venerdì 22 aprile 2016

I libri di Margherita: Jolanda, la figlia del corsaro nero

Anche oggi vi parlo di un altro classico di Salgari.
JOLANDA, LA FIGLIA DEL CORSARO NERO
DATI EDITORIALI
Titolo:  Jolanda, la figlia del Corsaro Nero
Autore: Emilio Salgari
Casa Editrice: RBA Italia
Numero di pagine: 318
GENERE DEL LIBRO
Romanzo d’avventura.
LUOGHI DELLA STORIA
Spagna, Golfo del Messico, Maracaibo, taverne “El Toro”, barca di Carmaux e Wan Stiller, nave “Folgore”, cabina di Morgan, palazzo del governatore, la Tortue, passo Changres, Gilbratar, Panama, castello del conte di Medina.

TEMPO DELLA STORIA
Indefinito.
PERSONAGGI PRINCIPALI
Jolanda, Morgan, Carmaux, Wan Stiller (o l’Amburghese), Don Raffaele, il conte di Medina, il conte Wan Guld, il capitano Valera, Pierre le Picard, i pirati della Tortue, abitanti di Maracaibo, abitanti di Gilbratar, abitanti di Panama, indiani Caribbi, Kumara, Oyaculè e altri personaggi minori.

TRAMA
Morgan è un prode pirata, ex luogotenente del leggendario Corsaro Nero.
Sfortunatamente, il Corsaro Nero è morto in battaglia e Morgan, per il suo coraggio e valore, ora è diventato il comandante dei terribili pirati della Tortue.
Dopo audaci imprese e sanguinose battaglie, il proposito di Morgan è quello di ritrovare Jolanda, la giovane figlia del Corsaro Nero.
Ella, però, è stata rapita dal conte di Medina, governatore di Maracaibo e figlio dell’acerrimo nemico del Corsaro Nero, il conte Van Guld, che ha giurato di vendicarsi sul padre morto in una battaglia contro il flagello dei mari.
Egli vuole costringere la fanciulla a cedere a lui, in qualche modo suo lontano parente, tutte le immense proprietà del padre, ma dietro questa volontà c’è qualcosa di molto più tremendo: il conte di Medina vuole ucciderla per meglio completare il suo atroce piano di vendetta.
Morgan, quindi, manda i suoi uomini più fidati, il francese Carmaux e l’amburghese Wan Stiller, a rapire un uomo che frequenti il palazzo del conte di Medina, per avere da lui informazioni sul conte.
I due rapiscono Don Raffaele, un grasso e innocuo piantatore spagnolo, che, per paura di essere ucciso dai tremendi filibustieri, rivela tutto quello che Morgan vuole sapere.
Con le preziose informazione di Don Raffaele, Morgan intraprende un terribile combattimento contro il conte di Medina e il capitano Valera, che costa la devastazione totale della città di Maracaibo, ma alla fine riesce a prendere Jolanda.
Jolanda è una ragazza bellissima, dolce, gentile, ma coraggiosa e salda nelle sue convinzioni, molto simile al suo valoroso padre.
Dopo varie avventure, che li portano prima a radere al suolo la città di Gilbratar e che li spingono fino alla rigogliosa foresta sulle coste Venezuelane a causa di uno spaventoso razzo di mare, Morgan e i filibustieri dimostrano un coraggio ed un’adorazione per la figlia del loro antico capitano davvero degni di nota.
Morgan e Jolanda, ad un certo punto della storia, si innamorano perfino.
Il destino, però, vuole che il conte di Medina riesca a rapire Jolanda e a portarla fino a Panama (o Regina dell’Oceano Pacifico)...

COMMENTO PERSONALE
Questo libro mi è piaciuto molto.
Per me ha anche un valore affettivo, perché me l’ha prestato la mia migliore amica Emanuela.
È una storia appassionante, avventurosa, che ti tiene molto col fiato sospeso.
Davvero bello.
Secondo me, però, l’amore che univa Morgan e Jolanda doveva esser reso un po’ più protagonista.
Anche in questo libro mi ha colpita il fatto che Jolanda, rosea giovinetta di circa 16 anni, si innamori di Morgan, un uomo di mezza età.
Nel complesso, però, è un libro bellissimo e coinvolgente e credo che leggerò altri libri di Salgari.

Con questo post partecipo al  "Venerdì del libro" di "HomeMadeMamma".

1 commento:

  1. Che bello questo libro:l'ho letto un sacco di anni fa e mi era piaciuto da morire!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...