sabato 18 novembre 2017

Tommaso e gli squali: squali Lego


La passione di Tommaso per gli squali, unita a quella che condivide con il fratello Giovanni per i Lego non poteva che sfociare anche in tanti giochi e costruzioni che hanno impegnato e divertito tanto i miei  ometti. Tutti gli squali da loro costruiti, per quanto più o meno somiglianti agli originali, rispettavano comunque abbastanza le peculiarità di ciascuna razza "studiata".
Ecco alcuni dei loro squali-Lego (di molti non abbiamo le foto, perchè nati e distrutti in poco tempo dai bimbi).

Squalo tappeto


Squalo balena


Squalo bianco


Squalo martello




Squalo toro



E, dopo la visita all'Acquario di Cattolica, non poteva mancare un grande acquario con squalo-toro!



Alla fine, è arrivato anche un regalino: un "vero" squalo della Lego... che è stato subito inserito in un nuovo piccolo acquario costruito da Tommaso.

venerdì 17 novembre 2017

I libri di Mariangela: La piccola comunista che non sorrideva mai

LA PICCOLA COMUNISTA CHE NON SORRIDEVA MAI

DATI EDITORIALI
Titolo: La piccola comunista che non sorrideva mai
Autore: Lola Lafon
Casa Editrice: romanzo Bompiani
Numero di pagine: 301

GENERE DEL LIBRO
biografia

LUOGHI DELLA STORIA
Onesti, palestra, Monteral, Parigi, Bucarest e altri luoghi.

TEMPO DELLA STORIA
Parecchi anni.

PERSONAGGI PRINCIPALI
Nadia Comaneci, Bèla, Màrta, mamma di Nadia, papà di Nadia,il compagno,la compagna e altri personaggi minori.

TRAMA
Questa è la storia di Nadia Comaneci, che a soli quattordici anni ha partecipato alle Olimpiadi prendendo il primo 10 della storia con le parallele asimmetriche.
La ginnasta è stata chiamata per anni e anni “la bambina prodigio”.
Nadia ha iniziato l’arte della ginnastica artistica a soli 7 anni e già a dodici anni aveva una dieta rigorosissima per restare in forma.
La ginnasta era proprio impassibile quando eseguiva un esercizio, con il suo viso pallido e concentrato per eseguire al meglio l’esercizio.
Però, molto tempo dopo, Nadia fuggì in America e ci furono tantissime polemiche su di lei.
Proprio in quel periodo la Romania, il paese nativo di Nadia, era in una terribile situazione, per questo Nadia è fuggita.

COMMENTO PERSONALE
Questo libro l’ho trovato così così.
Ho apprezzato molto la prima parte , ma dopo è iniziato a diventare volgare e noioso.
Trovo che parli un po’ troppo di politica, infatti alcune parti sono state  complicate.
Comunque ho trovato l’inizio molto bello.
Spesso nel libro ci sono scritti dei discorsi  fra la scrittrice di questo libro e Nadia, però sono noiosi e le due litigano molto.
Purtroppo questo libro dice parolacce e  discorsi volgari.
Mi ha un po’ delusa.


Con questo post partecipo al  "Venerdì del libro" di "HomeMadeMamma".

giovedì 16 novembre 2017

Tommaso e gli squali: gita all'acquario di Cattolica

Nel nostro percorso sugli squali non poteva mancare una gita.
A metà settembre, siamo tornati all'Acquario di Cattolica: per me ed i ragazzi più grandi si trattava ormai della quarta volta; Tommaso c'era stato da neonato e poi qualche anno fa, quando ancora non aveva potuto gustare appieno l'atmosfera e tanti dettagli di questo suggestivo ingresso nel mondo marino.  
Ora, tornandoci da più grandino e con più "cognizione di causa", l'esperienza è stata per lui davvero entusiasmante: non lo avevo mai visto così felice ed emozionato, nemmeno al parco dei divertimenti o di fronte ad un pacco regalo!


SQUALO MARTELLO

SQUALO NUTRICE


SQUALI ANGELO


SQUALI PINNA NERA

La grande vasca degli SQUALI TORO!


Ma, ovviamente, l'acquario è anche molto altro!
PINGUINI

RAZZE e TRIGONI


Informazioni scientifiche ed ecologiche

Mostra "Squali: predatori perfetti"


Pesci tropicali, stelle marine, anemoni di mare, meduse & c.



RETTILI


LONTRE



Sempre restando a tema marino, dopo l'acquario abbiamo esteso la nostra gita andando a Riccione, alla Fondazione cetacea. Ne avevamo già parlato e avevamo potuto ammirare dal vivo la loro opera la scorsa estate, durante il Tarta-day presso la Spiaggia delle Due Sorelle, in cui una tartaruga precedentemente malata e curata venne liberata.
Ora abbiamo potuto visitare il vero "ospedale delle tartarughe" ed ammirare il prezioso e delicato lavoro di chi opera ogni giorno con questi animali feriti o malati.

Anche qui, Tommaso è riuscito a trovare notizie sugli squali!

Ecco i pensieri di Tommaso - dettati a me - su questa giornata.  

Pensieri
Gita all’Acquario di Cattolica
Ieri, in una bella giornata, eravamo andati all’Acquario di Cattolica.
Lì c’erano tanti squali pinna nera, squali angelo, squali martello, squali toro.
Lì c’erano anche squali nutrice.
Alcuni squali toro erano vecchi: è per questo che avevano la pinna afflosciata.
Uno squalo toro poteva stare anche quasi immobile.
Uno era grande e gli altri abbastanza piccoli; la vasca era molto grande.
I pinguini andavano velocissimi. Erano interessanti.
Dopo eravamo andati a vedere anche i pesci tropicali:  i più carini erano i pesci pagliaccio.
C’erano anche i piranha.
Un pesce non aveva un occhio, ma da una parte ci vedeva e quindi riusciva a nuotare.
C’era anche una murena, che era quasi immobile.
C’erano anche dei rettili: il primo era il boa, poi c’era un serpente con la pelle staccata; c’erano delle rane minuscole gialle, una rana blu; c’era un geco attaccato al soffitto; c’era anche il drago barbuto e un serpente arrotolato dentro un buco.
Abbiamo visto dei caimani e delle lontre che facevano la lotta.
C’era anche un reparto di statue di squali, con dei veri denti davanti a ogni razza di squalo.
C’erano anche i trigoni da accarezzare: erano viscidi.
Io mi sentivo bene e sono voluto tornare a vedere gli squali toro.
Alla fine ho comprato il giocattolo di un’orca.
E’ stata una giornata meravigliosa.



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...