giovedì 3 maggio 2012

Un centrotavola pieno di fiori


Da tempo io ed i bambini ci ripromettevamo di andare in campagna alla ricerca di rametti e fiori primaverili per realizzare un bel centrotavola colorato.
Un po' come già avevamo fatto lo scorso autunno, con una zucca e tanti piccoli tesori della natura.
Poi, però, le intense e frequenti piogge d'aprile, oltre alla Pasqua, ai tanti compleanni e a diversi altri impegni, ci hanno portati a ritardare un po' troppo la nostra uscita.
Così, quando finalmente -una mattina di qualche giorno fa- ci siamo decisi ed organizzati con le nostre biciclette, una borsona di stoffa e forbicioni, tanti alberi erano già sfioriti, e di fiori di pesco e forsizie non era rimasta neanche l'ombra.
Però il gusto dell'uscita, della ricerca e scoperta della meraviglia di fiori di campo, felci e foglioline sono stati comunque grandi, così come il divertimento dell'esplorazione e della raccolta.
L'uscita è stata anche uno spunto per osservare la campagna in questo periodo di cambiamento, con le piantine di granoturco che iniziano a crescere e farsi vedere, con gli alberi da frutto che cominciano a far vedere i propri tesori ancora piccoli e verdini, con gli uccellini che esplorano i campi alla ricerca di semini con cui sfamarsi, con qualche fungone spuntato in qua e in là, per via della pioggia e dell'umidità...
Giovanni, poi, ha letteralmente "preteso" di inserire nel mazzo che stavamo componendo anche diverse margheritine (tanto per restare in tema con il nostro progetto), che a lui piacciono particolarmente e che raccoglie più o meno quotidianamente.
Poi, per avere un po' di colore in più, abbiamo chiesto soccorso ad una bisnonna, che ci ha permesso di raccogliere alcuni bei fiori dal suo giardino, con cui rendere più bella la nostra opera.


Il pomeriggio, poi, i bambini, sotto la mia "supervisione", hanno potuto comporre un allegro e coloratissimo centrotavola, usando come base una borsa-cestino di vimini giallo ed un bel pezzettone di spugna Oasis per fiori su cui versare una bella quantità d'acqua.
Un fiore al centro, uno a destra, uno a sinistra, uno di qua, uno di là... ed in pochi minuti, un mazzo eterogeneo ed un po' scalcagnato (era pur sempre stato composto su è giù dalle bici!) si è trasformato nel nostro centrotavola di primavera, da esibire felici ed orgogliosi sulla nostra tavola domenicale, davanti a tutta la famiglia (nonni e zii compresi) riunita.
Una volta terminati i "lavori ufficiali", però, i piccoli fiorai non si sono fatti sfuggire l'occasione di poter giocare con gambi e rimasugli di fiorellini e foglioline che, con una pentola piena d'acqua, quattro cucchiai di legno ed una bella dose di fantasia, li hanno trasformati in cuochi provetti alle prese con zuppe, minestroni e delizie varie.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...