sabato 26 maggio 2012

Imparare l'Euro


In matematica, il programma di seconda prevede, tra l'altro, la conoscenza dell'euro. 
Oltre a problemi, conoscenza del simbolo e qualche scheda, noi abbiamo pensato di integrare questo interessante argomento nella nostra vita familiare. Perchè così cerchiamo di fare sempre. Perchè così imparare è più semplice. Perchè così imparare diventa davvero utile.
Per coinvolgere -pur a livelli diversi, in base all'età-  tutti i bambini nell'esperienza, abbiamo innanzitutto cercato un modo per aiutarli a distinguere le varie monete tra loro.

I CASSETTINI PORTA-EURO
Cercavamo dei contenitori in cui dividere le diverse monete. Come altre volte, l'ispirazione è venuta all'interno di un piccolo negozietto 0.99 cent in cui, tra gli oggettini destinati al decoupage, abbiamo trovato delle piccole (circa 10 cm d'altezza) cassettierine a due cassetti.  
La loro essenzialità faceva  al caso nostro.
Così ne abbiamo acquistate cinque e, colori acrilici alla mano, i bambini si sono innanzitutto dedicati a pitturare ogni singolo cassettino con un colore diverso.
Una volta asciutti e lucidati, ho ritagliato ed incollato sui vari cassettini la sagoma delle diverse monete, fino alle banconote da 5 e 10 euro (di più, per adesso, ai bimbi non occorre).
A questo punto, ecco la parte più divertente: i bimbi hanno aperto e svuotato il loro salvadanaio e, taglio per taglio, hanno diviso le proprie monete nei vari cassettini. Associando principalmente la moneta reale all'immagine corrispondente. Ma anche seguendo l'indicazione del numero e del colore.
Arrivando a distinguerle l'una dall'altra e a capire (anche i più piccoli) che, ad esempio, c'è differenza tra 1 euro (la moneta grande e pesante, di due colori: vale di più) e 1 centesimo (piccolina, leggera e rossa).

CONVERSIONI
A questo punto, l'attività è andata avanti soprattutto per Margherita, la più grande.
Le abbiamo preparato e stampato dei fogli di conversioni tra monete, cercando di rispettare al massimo anche le proporzioni. Così, tra stampe, cassettini e monetine reali, la bimba ha potuto capire il reale valore delle monetine, e cimentarsi -anche grazie alla conoscenza delle tabelline e a semplici moltiplicazioni- nei suoi primi cambi. 
(Per chi volesse, in pdf, le nostre Conversioni-Euro).

FARE LA SPESA
L'aspetto più pratico e concreto di questo percorso, poi, è stato l'iniziare a mandare la bambina a pagare i conti al mercato, in cartoleria o in altri negozi e, ultimamente, lasciarla anche uscire da sola per recarsi, qualche volta, ad acquistare il pane (che di solito facciamo in casa) al forno più vicino a casa nostra. 
Una grande responsabilizzazione. Un motivo d'orgoglio particolare, per lei, che torna fiera e felice con la sua baguette. Ed un modo, per noi, per lasciarle percorrere la strada dell'autonomia.

9 commenti:

  1. Che bella proposta, carinissimi i cassettini!!

    RispondiElimina
  2. Bellissimo lavoro,prenderò spunto:)

    RispondiElimina
  3. I complimenti per le attività che proponete te li faccio ogni volta, questa volta invece ti dico un BRAVA grande come una casa perchè responsabilizzi Margherita facendole fare delle piccole commissioni da sola. Anche mia mamma qualche (ehm...) anno fa lo ha fatto con me e le sono molto grata.
    Quando racconto a qualcuno che quando mia figlia sarà più grande vorrei che facesse qualche commissione da sola mi giudicano malissimo.

    RispondiElimina
  4. @Sybille e Mamma Michela: Grazie tante!

    @Autumn: anche noi stiamo talvolta passando per genitori irresponsabili. Ma siamo convinti che -valutando bene la situazione e per cose piccoline- questa sia la cosa migliore per i nostri figli. Grazie del sostegno e dello spunto: credo proprio che scriverò un post su questo argomento, magari più in là...

    RispondiElimina
  5. Ciao MammaElly,
    che belle idee!
    Sai, Matilde, forse per una questione legata alla sua dislessia, non riesce a capire l'argomento dell'Euro e le conversioni. Anche ieri ci abbiamo messo tanto di quel tempo per fare i compiti che erano proprio sull'argomento. Sono un po' sfiduciata. Spero di riuscire a riprendere bene l'argomento durante le vacanze e penso proprio che le assegnerò anche io delle piccole commissioni da fare.
    Che fatica!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Catia!
      Non ti devi preoccupare: è normale che ogni bambino abbia i propri tempi e che non tutti gli argomenti e le materie siano assimilati nello stesso modo! Margherita, ad esempio, è abbastanza brava nei cambi, ma ancora non capisce il discorso dei resti. Stiamo cercando di farglielo imparare empiricamente, piano piano.

      Elimina
  6. Caspita, che bellissimo lavoro!! Sia tutta la preparazione sui cassettini, sia poi il loro utilizzo. Grazie per gli spunti!
    Sara

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...