giovedì 12 aprile 2012

Mele stregate

Oggi vi mostrerò un'altra divertente preparazione realizzata dai bambini per la festa a tema "Biancave e i sette nani".
Si tratta di 4 (numero ricorrente, a casa nostra: una per ogni bimbo "grande") mele rosse, abbellite e lucidate a mò di mele avvelenate dalla strega di Biancaneve.
La ricetta originale prevedeva di passare le mele nel caramello bollente e colorato, ma io ho deciso di fare diversamente, principalmente perchè volevo che fossero proprio i bambini a prepararle.
Così, ad uno sciroppo preparato con acqua, zucchero e miele, abbiamo aggiunto un cucchiaio di colorante alimentare fuxia (andrebbe benissimo anche rosso) ed alcuni fogli di colla di pesce (6 su un pentolino da 1 litro di soluzione).
Poi, una volta raggiunta la temperatura ambiente, ecco i bambini alle prese con il vero e proprio "lavoro da streghe": infilzate le loro mele (ovviamente lavate ed asciugate) in uno spiedo di legno, si sono divertiti moltissimo ad immergerle nel dolcissimo veleno rosso.
Più e più volte ciascuno, finchè ogni mela non è risultata lucidissima.
A questo punto, le abbiamo lasciate raffreddare completamente a testa in giù su un foglio di carta da forno in frigorifero, ripassate ancora velocemente nel "veleno" (per togliere qualche segnetto sulla parte appoggiata alla carta) ed infine, rafforzati gli spiedi (mettendone 3 per mela, in modo che ne reggessero il peso) "stese" ad asciugare all'aria fresca (infilando gli spiedi nei portavasi del nostro balconcino).
Una volta rassodato l'introglio, abbiamo composto un bel "mazzo" di mele stregate in un vaso trasparente, abbellito da un bel fiocco rosso e posto il tutto sulla tavola della festa. Et voilà!

10 commenti:

  1. anche a me piace farle... ma con la colla di pesce sono croccanti? potrebbe essere un'idea. l'effetto è lo stesso.... e poi mangiare la mela avvvvvelenata non ha prezzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, Zzoe, croccanti proprio no. Piuttosto, un po' appiccicose. Però, così, si lavorano a freddo, senza rischi di scottature da caramello.

      Elimina
  2. si è vero se si fanno lavorare i bimbi la sicurezza non è mai troppa!

    RispondiElimina
  3. caspita, quello che fai in una settimana io lo potrei fare magari in un anno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, facciamo un sacco di cose! E' che ci vengono continuamente idee in mente, e la voglia di realizzarle è sempre tanta! Tra l'altro, ho un sacco di lavoretti primaverili in arretrato, da postare...

      Elimina
  4. L'aria appetitosa ce l'hanno... poi devi dirci se erano buone! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì, alla sera i bimbi se le sono godute appieno! Con un certo "poltiglio" in giro per la tavola, devo dire...

      Elimina
  5. Che bella idea! Una ragazza che conosco dipinge le mele a scopo decorativo, ma io sono sempre restia a sprecare il cibo. Questa idea di decorazione che non va sprecata mi piace molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mele dipinte a scopo decorativo? Non avevo mai sentito di questa tecnica!
      No, noi ci siamo limitati a qualcosa di molto più semplice! Poi, ti dico: al momento di mangiare i lecca-lecca di mela, ad esempio, per la mia Mariangela (che non ama il sapore dolce in generale)ho passato semplicemente la sua "creazione" sotto l'acqua, ed è rimasta una bella mela integra e sana, solo... su stecco!

      Elimina
    2. Anche io non le avevo mai sentite le mele dipinte, le aveva preparate per decorare le tavolate ad un matrimonio, non so con cosa vengano colorate, ma l'effetto è simile alla ceramica, tanto che appunto sembrano finte.
      Brava Mariangela, nè io nè la mia mia Agnese avremmo rinunciato alla copertura dolce :-)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...