lunedì 27 marzo 2017

Il nostro studio sugli Egizi

Con taaaaantissimo ritardo, dedicherò i post di questa settimana al nostro studio sugli antichi Egizi effettuato in particolare da Mariangela e Camilla lo scorso anno scolastico, corrispondente alla classe IV della scuola primaria.
In realtà, davanti ad una civiltà così grandiosa, nessuno è riuscito a resistere.. per cui... se le due bimbe erano le "studentesse" ufficiali, per Margherita lo studio delle sorelle è stato un piacevolissimo momento di "ripasso", mentre i fratellini più piccoli si sono catapultati con piacere ed entusiasmo tra piramidi, faraoni, sarcofagi e geroglifici.
Oggi vi mostro, intanto, le "lezioni" preparate da me.
Qui, scaricabile su Scribdt (se non dà problemi, come a volte accade), il testo preparato per Mariangela (già per Margherita, in verità).




Qui di seguito, invece, la versione semplificata, con testo più conciso, in stampatello maiuscolo e con tante immagini a colorare, preparato per Camilla.
Vi mostro direttamente le pagine colorate dalla bambina.


Al termine dello studio teorico, ci siamo poi regalati una bella giornata al museo archeologico di Bologna, dov'era allestita un'interessantissima mostra proprio sugli Egizi, con elementi provenienti da diverse parti del mondo.
Alcune immagini ufficiali...
... ed alcuni nostri scatti!

L'entusiasmo per questa visita è stato così grande, che il giorno seguente tutti i bambini hanno dedicato i loro scritti e pensieri al "Museo egizio".

GIOVANNI


MARIANGELA



MARGHERITA
Ieri sono andata a vedere la mostra “Egitto, splendore millenario” al Museo Civico Archeologico di Bologna, insieme alla mia famiglia.
Una volta arrivati in città, abbiamo preso il tram e siamo arrivati al museo.
Oltre alla collezione permanente sulla civiltà egizia, c’era una mostra particolare: reperti provenienti da musei di tutto il mondo erano esposti lì per qualche mese.
Quando siamo entrati, sono stata travolta dallo stupore.
La sala era piena di ritrovamenti meravigliosi: statue, statuette, vasi e vasetti, ciotole e poggiatesta in terracotta si alternavano sugli scaffali, dietro teche di vetro e per me è stato talmente bello da togliere il fiato.
Ho fotografato ogni cosa, ogni dettaglio.
C’erano vasi dai bordi sbalzati, statuette che nelle loro pose statiche ti osservavano con i loro lunghi occhi a mandorla, ciotole e vasellame in alabastro semitrasparente e talmente tanto altro che è impossibile raccontare tutto.
Dopo siamo passati alla seconda stanza: lì c’erano soprattutto stele, bassorilievi e antichissimi fogli di papiro consunto ma ancora decifrabile.
Non posso descrivere l’emozione che ho provato nel vedere quei fogli e blocchi di pietra e calcare incisi, dipinti o scolpiti.
Mi sono soffermata a lungo a scrutare i geroglifici scalfiti con una precisione tale da sembrare stampati, minuscoli segni incisi sulla pietra per l’eternità.
Tra quel fitto intreccio di lettere mi è sembrato di tornare nei lori giorni, più di 5000 anni fa, e mi sarebbe tanto piaciuto sapere cosa ci fosse scritto.
Di alcuni geroglifici sapevo la traduzione nel nostro alfabeto, ad esempio: il gufo è traducibile nella lettera N, la lumaca nella lettera S, eccetera.
Anche i bassorilievi erano di uno splendore ineguagliabile.
Talmente belli che lentamente mi sono immersa nella vita quotidiana degli Egizi, avventure comuni di persone comuni di 5000 anni addietro.
Le immagini intagliate mi hanno presa per mano e portata con loro, nell’antico Egitto.
Ho visto da vicino gli schiavi e i loro padroni, gruppi di belle donne che raccoglievano frutta o portavano anfore d’acqua, faraoni e regine attorniati da schiere di servi muniti di grandi ventagli di piume oppure dèi statici e ricchi di decorazioni che osservavano con sufficienza il mondo circostante.
E mentre guardavo quelle figure, pensavo a come la vita degli scultori che li hanno creati si fosse intrecciata con la mia, in modo unico e irripetibile.
Chi ha scolpito tutte quelle stele, bassorilievi o statue, tramite le proprie opere vivrà in eterno dopo la  sua morte, verrà per sempre ricordato tramite la sua opera.
E’ una cosa difficile da spiegare, lo so, ma io mi sono sentita così.
Un’altra cosa che mi ha colpita molto è stato il colore: nonostante gli anni le figure erano ancora vagamente colorate!
Pensare che fossero solo polveri vegetali o minerali legate fra loro da bianco d’uovo, latte, acqua o miele riesce quasi impossibile.
Nella terza stanza c’erano statue, gioielli, monumenti, giocattoli e modellini.
I gioielli, infatti, erano una delle cose più belle del museo: amuleti portafortuna, collane di zaffiri, pietre, rubini, braccialetti d’oro massiccio e orecchini facevano mostra del loro splendore uno di fianco all’altro dietro al vetro.
Il gioiello più bello, però, era il diadema.
Un diadema femminile, d’oro e pietre preziose, di una bellezza straordinaria.
Mi sembra di vedere principesse egizie o regine indossarlo sopra le loro fluenti parrucche nere, belle come dee.
C’erano anche diversi modellini di navi, di legno stuccato e dipinto con le statuine dei marinai e la cabina cava.
Molto graziosi, ma ho preferito altre cose.
Ho visto persino una bambola, una figurina abbastanza piccola, con solo le braccia (probabilmente le gambe erano coperte dal vestito) e una folta chioma di capelli di corda.
Era davvero bellissima.
In quella stanza io mi sono anche innamorata.
Non di una persona, ma di una statua, o meglio di tre statue.
La prima era quella di Maya, il sovrintendente al tesoro reale di Tutankhamon.
Qualcuno ha deciso di scolpirlo e lui è arrivato fino a noi, con il suo ampio vestito e la sua espressione vitrea e immobile.
L’altra statua è quella di Meryt, il cantore di Amon, che era però una donna.
Talmente bella da bloccare il respiro.
Aveva una lunga parrucca intrecciata, un viso severo e femminile, gli occhi a mandorla, labbra perfette e un lungo vestito.
La cosa speciale, è che Maya e Meryt erano marito e moglie.
La terza statua, infatti, li rappresentava insieme, seduti l’uno accanto all’altro.
Loro sono passati alla storia insieme, vicini.
Il loro amore non è mai finito ed è una cosa bellissima, secondo me.
Posso dire che sia stata una delle mie cose preferite.
Le ultime stanze, invece, contenevano mummie, sarcofagi e vasi funerari.
Anche questa è stata una delle mie stanze preferite.
Per cominciare c’erano i “vasi canopi”, vasi dove venivano messe le viscere del defunto durante la mummificazione.
Il coperchio era a forma della testa del defunto, dipinto con i suoi lineamenti.
Infatti erano tutte una diversa dall’altra.
Dopo c’erano le mummie di animali.             
Mummificavano gatti, pesci, coccodrilli, caimani, ibis, falchi e serpenti.
Il gatto era un animale sacro agli Egizi, tanto che la dea Bastet era raffigurata come una donna con la testa di gatto e spesso addirittura come una gatta.
La mia mummia preferita è stata quella del gatto nel sarcofago.
Era talmente rara e dettagliata che mi ha davvero sorpresa.
Infine c’erano le mummie umane.
Siccome mi aspettavo di trovare solo una mummia, mi sono meravigliata molto.
Di mummie, infatti, ce n’erano tre o quattro!
Mi hanno fatto impressione, però erano molto affascinanti.
Le bende erano perfettamente conservate, solo un po’ ingrigite, ma è il minimo che potessero fare.
La parte migliore, però, erano i sarcofagi: ce n’erano moltissimi.
La cosa particolare era che ognuno aveva un volto diverso, dipinto minuziosamente, con gli occhi truccati e i lineamenti ben definiti.
I visi erano dorati e il corpo di legno affrescato con piccole immagini, geroglifici, dipinti di Iside od Osiride ed altri dèi.
Anche l’interno dei sarcofagi era dipinto con l’immagine di un dio o del defunto, oppure era scritto in geroglifico.
Era molto emozionante vedere quei sarcofagi aperti oppure chiusi che ti fissavano immobili come se ti giudicassero.
Dopo aver osservato e fotografato tutto, siamo passati velocemente per la collezione permanente del museo.
Lì mi sono piaciuti molto i vasetti in cui le donne egizie mettevano i cosmetici, le creme per il corpo, i profumi ecc…
Dopo di ciò, purtroppo, siamo dovuti uscire.
Abbiamo mangiato al volo un panino e siamo tornati a casa.
Al museo ho provato talmente tante emozioni da esserne quasi ubriacata.
Gli Egizi sono, e resteranno sempre, la mia civiltà preferita.


Camilla e Tommaso erano probabilmente un po' immaturi per apprezzare appieno lo "splendore millenario " esposto al museo: anche loro, però, hanno scritto o mi hanno "dettato" le loro impressioni e conservano un ricordo vivo di quella giornata.


CAMILLA
Ieri sono andata al Museo egizio di Bologna.
Ho visto delle piccole piramidi, delle belle statue, dei gioielli, una bambola, dei bassorilievi scritti in geroglifici, dei sarcofagi tutti d’oro e dipinti e delle mummie di uomini e di animali.
Mi sono un po’ annoiata  pero’ mi e’ piaciuto.


TOMMASO
Siamo andati al museo di Bologna egizio.
C’erano molte statue del faraone belle, e al museo c’erano anche delle mummie e delle tombe con dentro le mummie.
C’era anche il gatto imbalsamato e anche un alligatore imbalsamato senza gli occhi, un adulto e un cucciolo.
Mi è piaciuta molto la roba che c’era.
Quello che mi è piaciuto di più nel museo è stato il faraone.
Siamo andati anche sul tram e mi sono molto divertito: era come una specie di treno e mi sono anche divertito ad andare a Bologna ed anche nel parcheggio sotterraneo.
Dato che sono stato bravo, la mamma mi ha dato un gioco.


Nel prossimo post, l'arte egizia interpretata dalla nostra creatività.

venerdì 24 marzo 2017

I libri di Margherita: La solitudine dei numeri primi

Oggi vi parlo di un bestseller che ho letto qualche mese fa.

LA SOLITUDINE DEI NUMERI PRIMI

DATI EDITORIALI
Titolo: La solitudine dei numeri primi
Autore: Paolo Giordano
Casa Editrice: Mondadori
Numero di pagine: 304

GENERE DEL LIBRO
Romanzo.

LUOGHI DELLA STORIA
Torino, casa di Alice, casa di Mattia, scuola, casa di Viola, camera da letto di Viola, monte Fraiteve, burrone, parco vicino a casa di Mattia, casa di Riccardo, festa, rive del fiume, ospedale, casa di Fabio ed Alice, laboratorio fotografico, aula di laurea, macchina di Alice, Norvegia, università, casa di Alberto, casa di Nadia.

TEMPO DELLA STORIA
Ventiquattro anni, dal 1983 al 2007.

PERSONAGGI PRINCIPALI
Alice, Mattia, Michela, Denis, Viola, madre e padre di Alice e Mattia, Fabio, Marcello Crozza, Giada Savarino, Federica Mazzoldi e Giulia Mirandi, Alberto, Nadia.

TRAMA
Alice e Mattia sono due ragazzi. Normali, all'apparenza.
Eppure, le vite di entrambi sono state segnate da un episodio traumatico nell’infanzia, che ne condizionerà tutta la vita futura.
Per Alice si tratta di quando, da ragazzina, costretta dal padre a frequentare la scuola di sci che odiava, era caduta in un burrone ed era sfortunatamente rimasta zoppa.
Per Mattia, di quando da bambino, per partecipare a una festa di compleanno fra amici, aveva abbandonato nel parco, di sera, la gemella Michela affetta da grave ritardo mentale e al suo ritorno non l’aveva più trovata, probabilmente annegata nel fiume lì vicino ma il cui corpo non si era mai più ritrovato.
A quindici anni, Alice è un’adolescente che soffre di anoressia nervosa ed è snobbata da tutti in quanto zoppa; mentre Mattia è un ragazzo problematico, che non vuole avere rapporti umani con nessuno ed è autolesionistico, nonostante sia dotato di un’intelligenza incomparabile e abbia un intuito naturale per la matematica.
Eppure, grazie o per colpa della bellissima compagna di scuola di Alice, Viola Bai, Mattia ed Alice si incontrano a una festa a casa di Viola.
Fra i due scatta subito un’amicizia forte e che durerà negli anni, ma Alice non riuscirà mai a rompere il muro che circonda l’inarrivabile Mattia. 
Alice e Mattia probabilmente si amano, ma sono invincibilmente divisi da forze al di sopra di loro.
Sono come quei numeri speciali, i numeri primi gemelli (ad esempio il 2.760.889.966.651 per lei e il 2.760.889.966.649 per lui, che li rappresentano simbolicamente), separati solo da un numero pari, vicinissimi ma mai abbastanza per toccarsi davvero.

COMMENTO PERSONALE
Questo libro mi è piaciuto molto.
E’ un libro particolare, non spicca per la trama, eppure l’ho letto in poco tempo, come attratta da una forza irresistibile.
Narra storie diverse e tratta argomenti delicati e difficili come l’anoressia, il matrimonio e l’autolesionismo, ma è stato bello.
Inoltre anche se è stato scritto solo nel 2008 è già e ancora uno dei bestseller più venduti, tradotto in numerosissime lingue e che vinto addirittura il Premio Strega, il più importante riconoscimento letterario italiano.
Mi aspettavo una storia d’amore e invece non parla dell’amore inteso come sogno realizzabile ma come sentimento eternamente ostacolato e sinceramente il finale mi ha un po’ delusa.


Con questo post partecipo al  "Venerdì del libro" di "HomeMadeMamma".

martedì 21 marzo 2017

Margherita e l'arte - classe I media


Dopo tanto tempo, riesco a parlarvi del percorso che sta seguendo Margherita nello studio della Storia dell'Arte e nella rappresentazione personale.
Dallo scorso anno "home-scolastico", come da programmi ministeriali, abbiamo intrapreso lo studio della Storia dell'arte. Questa materia è stata da subito integrata in uno studio globale e interdisciplinare, tra arte, storia, letteratura, vita vissuta e attività manuali.
Partendo il programma di prima dalle origini, cioè dall'arte preistorica e percorrendo poi il  Medioevo, anche noi abbiamo cercato di seguire questo filo, ma cercando di personalizzarlo.

STORIA DELL'ARTE
Pitture rupestri stile Paleolitico, ispirate a quelle della grotta di Lascaux. Margherita si è cimentata in queste tecniche con fogli appesi al muro. Carta moonrock (ruvida e porosa, per un effetto roccioso), sanguigna, e poi colori acrilici ed acquerelli. Un'esperienza multisensoriale e molto coinvolgente.







Sumeri, tavoletta d'argilla (in realtà Das rosso) incisa a caratteri "simil-cuneiformi"

Egizi, Nefertiti

Cleopatra (tecnica con garze, di cui vi parleremo in un post apposito)

Cretesi, affreschi del palazzo di Cnosso, Donna che raccoglie un fiore

Greci, fanciulla in altalena, figura rossa su fondo nero (foglio di cartoncino rossiccio dipinto di acrilico nero, in modo da far "emergere" il soggetto rappresentato).


Romani, Donna-Saffo, acquerello ispirato agli affreschi di Pompei

Medioevo
Studiando il Medioevo, abbiamo cercato di calarci nella magica atmosfera di quest'epoca lontana anche tramite alcune gite, visite a musei, castelli e monumenti.
La prima è stata quella a Ravenna, lo scorsa mese di aprile, per ammirare, insieme ai nostri amici, lo splendore dei mosaici e dell'architettura.

Basilica di San Vitale: Giustiniano, Teodora e altri mosaici

Il Battistero, il Museo arcivescovile 

 Sant'Apollinare in Classe


Acquerello ispirato a mosaico di Ravenna, epoca bizantina

Margherita ha potuto capire la difficoltà della tecnica del mosaico mosaico realizzandone uno con tesserine di plastica, colla e pinzette, su mandala stampato


Carlo Magno
E' stato un personaggio molto amato da Margherita, che ha scelto di parlarne anche al suo esame.
Ne abbiamo potuto parlare più approfonditamente anche grazie alla visita ad un'abbazia medioevale, l'Abbazia di Nonantola (MO), che abbiamo visitato la scorsa primavera, e che è stata a sua volta argomento d'esame per Storia dell'arte.
La Chiesa è mirabile testimonianza di architettura romanica e al suo interno conserva una cripta meravigliosa.
Nel museo abbaziale sono conservati, oltre a meravigliosi codici miniati ed altri documenti preziosissimi, diversi documenti che testimoniano il passaggio di Carlo Magno, tra cui il suo celeberrimo monogramma, che anche Margherita ha poi riprodotto.



Matilde di Canossa

Miniatura

Oltre al percorso storico-artistico, Margherita si  cimentata in tanti altri disegni, dipinti e "lavoretti".

NATURA E STAGIONI
Ispirandosi a Sybille...


RITRATTI FEMMINILI
Fanciulla sotto cielo stellato
Pin up

Helena, giovane spagnola protagonista di un racconto scritto da Margherita 
Sirena

Giovane donna africana

Jane Eyre
Ragazza in un giorno di pioggia

Fanciulle che prendono il tè

Donne che raccolgono frutta e fiori

Bimba con gattino

GATTI






MONTHLY SONGS
Un disegno al mese, per ogni canzone inglese tradotta

Giugno 2015, Everytime, Stash and The Kolors
Luglio 2015, Roar, Katie Perry

Agosto 2015, Broken, Elisa 

Settembre 2015, I see the light, Rapunzel

Ottobre 2015, A Whole new world, Alladin 
Novembre 2015, Freedom, Pharrel Williams (disegno ispirato al "Fuoco" di Sybille)
Dicembre 2015, Jingle Bells
Gennaio 2016, Let it go, Frozen

Febbraio 2016, Hello, Adele

Marzo 2016, A spoonnful of sugar, Mary Poppins

Aprile 2016, Try Everything, Shakira, Zootropolis

Maggio 2016, Just the way you are, Bruno Mars

RELIGIONE
La Santissima Trinità, acquerello realizzato in occasione della Cresima di Margherita

San Martino

Madonna con Bambino

Re Magi

CUCITO




VARIE
Per finire... di tutto un po': disegni realizzati come biglietti d'auguri, ritratti di familiari, lavoretti "d''occasione".




Concludo mostrandovi quello che, parallelamente, abbiamo abbinato allo studio della storia della letteratura, in particolare l'epica classica, da Omero a Virgilio.
Per ogni personaggio o episodio studiato, abbiamo fatto una piccola ricerca all'interno della storia dell'arte, andando a vedere come tali personaggi o episodi fossero stati rappresentati dagli artisti del passato.
Ve ne mostro alcuni

Ettore, Andromaca ed Astianatte

Achille ed Ettore

Ulisse e Nausicaa

Ulisse e Polifemo

Penelope


Ulisse e i Proci

Enea, Anchise ed Ascanio

Didone
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...