martedì 17 novembre 2015

La settimana di San Martino

Finalmente riesco a raccontarvi la nostra settimana appena conclusa.
Una settimana - da domenica 8 a domenica 15 novembre - tutta dedicata a San Martino, tra letture, gite, fiere, disegni. dipinti, lavoretti e varie.
Abbiamo cominciato ripercorrendo la vita del Santo e rileggendo, come ogni anno, la celeberrima leggenda legata al taglio del mantello.
Poi, beneficiando di una vera e propria Estate di San Martino, ci siamo regalati una bella gita domenicale, insieme ai nostri amici più cari, a San Martino in Rio, un grazioso paese in provincia di Reggio Emilia, che ogni anno dedicato al suo santo patrono la Fiera di San Martino.
Noi ci eravamo già stati alcuni anni fa (e ne avevamo parlato qui), ma non tutti i bimbi ne avevano ricordo, e questa volta la splendida giornata diii sole e soprattutto la compagnia hanno reso il tutto ancora più bello.  
Vi mostro alcune foto.
La rievocazione storica

San Martino e il taglio del mantello

Le tante bancarelle della ricchissima fiera, tra prodotti tipici e antichi mestieri

I bambini hanno anche fatto una piccola passeggiata a cavallo/pony! 

Parte della giornata è stata dedicata a falchi e compagni...

Momenti tra amici...

Nel corso della settimana, poi, i bambini hanno dedicato al Santo i loro disegni.
Questa volta ve li mostro in ordine crescente d'età, da Tommaso a Margherita.

Tommaso

Giovanni


Mariangela



Camilla (il cavallo è  tratto e "specchiato" da qui)

Margherita ha, invece, preso spunto da un'immagine trovata in rete per realizzare un dipinto ad acquerelli e matite acquerellabili.

Intanto, abbiamo pensato ad un pannello/cartellone da realizzare tutti insieme.
Ho, quindi, stampato l'immagine del Santo (scaricata da Midisegni.it) su più fogli A4 e li ho incollati su un pannello di cartone.
Poi, i bimbi hanno dipinto lo sfondo di nero, in modo da uniformarlo.

Una volta asciutto, ci siamo muniti di fogli di pannolenci  in diversi colori, forbici, colla stick ed una seconda immagine su carta che, ritagliando pezzo per pezzo, ha permesso a Camilla, Mariangela, Giovanni e Tommaso (Margherita intanto dipingeva il suo San Martino che vi abbiamo mostrato sopra)) di ricomporre San Martino, mantello e cavallo in un collage morbido e colorato.

Solo una  volta ultimato, ci siamo accorti che il cavallo marrone scuro quasi scompariva sullo sfondo nero (in foto il flash lo rende più evidente di quanto fosse in realtà), così abbiamo scollato parte del lavoro, inserendo qqualche collinetta di carta verdina. Eccolo qui!

Leggendo, poi, le varie tradizioni legate alla vita del Santo, ai bambini è venuta voglia di provare a realizzare delle lanterne, per poi andare in giro, la sera, augurando: "Buon San Martino!".
Allora, proprio il giorno 11 novembre, eccoli di nuovo al lavoro!
Ho procurato loro dei vasetti di vetro trasparente (da marmellate), della carta velina in più colori, colla vinilica e pennelli. Inoltre, l'immagine stampata della sagoma del Santo a cavallo, che i bambini hanno colorato con i pennarelli indelebili, per un effetto-ombra.

Poi, ognuno ha preso il proprio vasetto ed è andato a realizzare una lanterna, spennellandolo di colla vinilica e scegliendo quale tecnica utilizzare per la  carta  velina (forbici o strappo).  
Pezzetto dopo pezzetto, i vasetti sono diventati in breve tempo unici e colorati! 

Per  ultimo, è stata incollata la sagoma di San Martino.
Poi, una volta asciutti, siamo andati a spennellare i vasetti di una nuova generosa mano di colla vinilica, così da renderli lisci, lucidi e quasi impermeabili.

Dopo qualche ora, abbiamo ultimato il tutto con dei nastrini di raso ed una candelina all'interno di ogni vasetto: e ecco pronte le nostre lanterne!


E, con l'arrivo della sera, eccoci a passo con le nostre lanterne!
Che  gioia!
E che soddisfazione!!!

La serata nebbiosa ha reso il tutto più... affascinante, come potete leggere nello scritto di Giovanni!

Per ultimo, la domenica appena trascorsa, ci siamo regalati una nuova gita!
Un'altra fiera, questa volta quella di Mirano, una bella cittadina in provincia di Venezia, che ogni anno dedica due giornate novembrine, proprio prendendo le mosse da San Martino e dalle varie tradizioni legate alla vita del santo, alla Fiera de l'oca.
Anche qui, tante bancarelle, ma soprattutto tanti giochi, tra cui l'albero della cuccagna, poi il grande gioco dell'oca in piazza (di cui non siamo riusciti a  scattare foto, date le tante persona presenti)...

Molto suggestiva, la ricostruzione storica di una fiera degli inizi del '900, tra oche, trampolieri, antiche biciclette, carretti di lustrascarpe, gelatai, lattai, parate in abiti d'epoca, antiche vetture e macchine agricole, ecc..

Anche in questa occasione, eravamo con i nostri amici!!!

L'esperienza più divertente di questa giornata è stata... questa!!!!

Così è trascorsa la nostra settimana, tra tante esperienze diverse, in un modo un po' particolare di fare, contemporaneamente, Italiano, Storia, Geografia, Scienze, Religione, Arte e Immagine...e molto altro!!!!


P.s. Grazie alla nostra cara amica Emanuela: alcune di queste foto sono sue!!! 

2 commenti:

  1. per me, grande appassionata di feste di paese, mercatini, rievocazioni storiche, artigiani.....le vostre fotografie ed i vostri racconti sono gioia pura!
    La mia più grande passione, però, sono i rapaci, falchi in particolare! Anni fa, alla festa medioevale che si tiene ogni anno, in luglio, nel mio paesello delle marche, ho partecipato ad una serie di giochi con un meraviglioso falco. la sensazione del sentirlo arrivare,per un impercettibile muoversi dell'aria ( dovevamo stare ad occhi chiusi), le ali che sfiorano i capelli sono state emozioni davvero indescrivibili!
    un grande abbraccio
    Emanuela
    PS.....questi bimbi stanno crescendo un po' troppo in fretta.........

    RispondiElimina
  2. Grazie per la tua attenzione e per i tuoi sempre vividi racconti!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...