venerdì 3 agosto 2012

Giochiamo ai pescatori? Costruiamo le canne da pesca!


Un altro piacevole gioco estivo improvvisato una calda mattina di luglio.
Eravamo da poco andati in gita al Lago Parco Zoo e, visti da vicino i pescatori, abbiamo pensato di imitarli.
Come? Costruendo delle canne da pesca speciali, tutte per noi!
E poi, ovviamente, dei pesciolini tutti da pescare, nella speranza che abboccassero al nostro amo.
Come sempre, con materiale semplice e di recupero, e con la vigile supervisione di un adulto.

Occorrente:
- Bastoncini di legno lunghi e sottili forati ad un'estremità
- Calamite tonde forate
- Spago da cucina o filo da pesca
- Panni-spugna da cucina
- Forbici
- Chiodini corti

Non occorre che vi descriva il procedimento per costruire le canne, semplici come sono.
Io ho provato prima con lo spago da arrosto, ma i forellini delle nostre calamite e dei nostri bastoncini erano troppo piccoli perchè passasse. Allora ho optato per il filo da pesca, più "in tema", ma anche molto più delicato e soggetto a grovigli.
I pesciolini di spugna li avevamo già realizzati anche l'anno scorso, ma ci è piaciuto molto rifarli e mettere un chiodino per occhietto (su modello di alcuni pesci di plastica che avevamo in casa, troppo pesanti per le nostre calamite). 
Poi, tutti in cortile con una bella vaschetta piena d'acqua e... via alla pesca!
I pescatori si sono divertiti molto, riuscendo anche ad ingegnarsi nel momento in cui le canne, per un po' di confusione attorno, si sono intrecciate tra loro.
L'unico neo del nostro lavoro sono state le calamite, un po' troppo deboli per i pesciolini zuppi d'acqua.
Però, come sempre, l'unione fa la forza: quindi, unendo più calamite e facendo a turno, la pesca è riuscita perfettamente!
Chi aspettava la canna giusta, intanto, si arrangiava pescando con i bastoncini a mo' di fiocina, per poi "arrostire" i pesciolini sotto il sole cocente.

Anche Tommaso, sempre più scatenato e partecipe alle attività dei fratelli, si è letteralmente "buttato" nel gioco.
Sia pescando, a modo suo, sia entusiasmandosi davanti alla fantasmagorica scoperta del tubo dell'acqua. 
D'altronde, cosa c'è di meglio di tanta acqua fresca, in una torrida giornata estiva?

3 commenti:

  1. i giochi d'acqua sono i preferiti!!! noi andiamo proprio ora in giardino... ne vedremo delle belle;-)

    RispondiElimina
  2. Che idea carina! Quando ero piccola adoravo andare a pesca con il mio papà!!
    Buon week end!

    RispondiElimina
  3. Grazie e buon week-end ad entrambe!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...