mercoledì 18 luglio 2012

Lattughina e il suo amore d'estate

Questa è la nostra favolina dell'estate di quest'anno.
Un racconto inventato "al volo" da Margherita (7 anni) in una calda mattina di fine giugno, mentre facevamo uno dei nostri giretti in bicicletta in campagna, tra assolati campi di grano, canti di cicale  e gracidare di rane. 
Poi, rientrati a casa, la bambina si è buttata sul foglio per scrivere ciò che la sua fantasia aveva composto. Ne è nato un racconto dolce, caldo ed estivo, con una bella descrizione dell'atmosfera estiva delle nostre campagne.
Da lì i disegni  preparati da me, colorati giorno per giorno da Camilla, Mariangela e Giovanni, e rifatti di suo pugno da Margherita. 
(Per chi volesse, è possibile scaricare il testo e le immagini di questa favolina.)

La dolce ranocchietta Lattughina è poi andata a decorare anche la nostra porta di casa, oltre a finire sotto il solleone della nostra torta dell'estate...
Per non parlare della cameretta, che vi mostreremo nel prossimo post.



C’era una volta in una campagna assolata uno stagno molto grazioso dove viveva una ranocchietta buffa, birichina e molto, molto simpatica di nome Lattughina.


Lattughina era una ranocchietta saltatrice: saltellava in qua e là sui sassi dello stagno senza fermarsi mai.
I suoi genitori l’avevano chiamata così perché era verde lattuga e anche perché era golosissima di lattuga fresca.


Lattughina era molto dolce e romantica: ogni notte sognava di incontrare il suo grande amore e di avere tanti buffi ranocchietti.


Era estate: lo stagno era circondato da una immensa distesa di biondeggiante grano maturo e da tanti papaveri rossi.
A Lattughina piaceva tanto ripararsi sotto una foglia, per mangiare con gusto la sua deliziosa lattuga fresca.


Usciva soltanto al tramonto: si metteva comoda comoda su un sasso e iniziava a gracidare.



Fu proprio in una di queste sere che incontrò il rospetto Camillo!
Era un rospetto molto grazioso venuto da un paese lontano.
Era arrivato fin lì per esplorare lo stagno.
Appena Lattughina lo vide se ne innamorò follemente e anche lui!


I due si fidanzarono, si sposarono ed ebbero tanti piccoli e simpatici girini e vissero per sempre felici e contenti.

La nostra porta di casa in versione estiva: Lattughina, Camillo, spighe, papaveri e la scritta scaricata da  qui.


6 commenti:

  1. Complimenti! Io resto sempre colpitissima dalla proprietà di linguaggio che possiede Margherita. Immagino che oltre al fatto di avere un dono con la lingua scritta e parlata ami anche molto la lettura. Complimenti a voi e a lei. Possiede davvero una bellissima immaginazione e fantasia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Ele!
      Grazie tante per queste parole. Devo dire che Margherita ha sempre colpito un po' tutti per la sua proprietà di linguaggio, fin da piccolissima. Ha iniziato a parlare molto presto, e a meno di due anni già raccontava favole e correggeva i congiuntivi omessi in qua e là da canzoni o tv... Ora le piace anche molto leggere, è uno dei suoi "passatempi" preferiti! In compenso, da brava "intellettuale", è una gran pigrona e molto imbranata fisicamente!

      Elimina
  2. A ciascuno i propri talenti!!!
    Anche Matilde ha sempre avuto un'ottima proprietà di lunguaggio anche a detta delle insegnanti, ma quando si tratta di scrivere..... lasciamo stare.
    Ieri doveva comporre delle frasi con i falsi alterati. Ecco cosa è uscito:
    - Guarda che bel pulcino!
    - Che buona questa focaccia!
    - Ti è caduto un bottone
    e via dicendo....
    Gliele abbiamo fatte rifare chiedendole di renderle un po' più complete, ma che fatica.
    Perchè quando parla dimostra di avere tanta fantasia e creatività e quando deve scrivere sembra che tutto sparisca? Forse fa parte del suo DSA però è un vero peccato!
    La favolina di Margherita è bellissima e molto romantica. E' una bambina molto dolce.
    Un abbraccio a tutti voi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Catia!
      Ti ringrazio per le tue parole. E' vero, a ciascuno i propri talenti. Anch'io vedo nei miei figli tante caratteristiche diverse tra loro, che li rendono unici e speciali. Ti sento sempre molto preoccupata per il DSA di Matilde... Ti capisco, perchè anche noi siamo da anni "in ballo" con i problemi di linguaggio di Camilla, e proprio in questo periodo speriamo di arrivare ad una diagnosi più completa, che ci permetta di aiutarla sempre meglio, n maniera il più possibile mirata e proficua. Buona giornata a voi!

      Elimina
  3. Complimenti per la favola e per i disegni, sono fantastici. Anche per Elena leggere è uno dei suoi passatempi preferiti. Un saluto affettuoso..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Rossella!!! Buona giornata e buon week-end!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...