lunedì 2 luglio 2012

Da scatole a draghi

Anche la favolina di Giovanni (La favola dei due draghi) è diventata un giocattolo. 
Quattro draghi/mostriciattoli tutti "riciclosi" per realizzare i quali abbiamo utilizzato delle semplici scatole di cartoncino recuperate in casa. 
Un modo allegro per passare un po' di tempo -soprattutto negli afosi pomeriggi estivi- e giocare con le fiabe.

 

Occorrente:
- Scatole porta-uova di carta pressata e/o scatole di merendine/biscotti/detersivi con linguetta apribile. 
- Colori a tempera o acrilici
- Cartoncino colorato per gli occhi
- Cartoncino bianco per i denti
- Pennarello nero (per i dettagli)
- Colla 
- Puntine da disegno (facoltative)

Procedimento:
- Dipingere le scatole con il colore prescelto per il drago.
Per quelle delle uova occorrerà una sola mano di colore; per scatole di cartoncino con scritte ed immagini, sarà meglio passare più volte il colore. Lasciar asciugare.
- Dipingere l'interno visibile della scatola con il colore rosso/rosa, per dare l'effetto della bocca spalancata.
- Per le scatole porta-uova: dipingere di bianco i due "perni" interni: saranno dei perfetti dentoni da drago!
- Per le altre scatole: ritagliare una striscia di cartoncino bianco a zig zag ed incollarla nella parte superiore della "bocca"
- Disegnare ed incollare gli occhi. 


Il nostro gioco si è sviluppato in maniera -per me- inaspettata ed imprevedibile.
Dopo aver "messo in scena" la favolina di Giovanni (per questo avevamo volutamente realizzato due draghi dall'espressione simpatica e due dall'aria più minacciosa) infatti, ai nostri draghi sono dapprima "caduti i dentini". Come a Camilla, che è nel pieno della caduta dei denti decidui e, con le sue quattro finestrelle, si è divertita un mondo a far perdere denti su denti anche ai draghi. 
Poi, i draghi hanno anche... messo l'apparecchio ortodontico! Dei cerchietti per capelli color argento e infilati per caso nelle fauci dei draghi si sono trasformati in un gioco simbolico carino, che ha aiutato Margherita ad accettare più benevolmente l'apparecchio appena messo.

7 commenti:

  1. Simpatici questi draghi!
    Il gioco simbolico mi stupisce sempre, anche mia figlia ci si sta avvicinando spontaneamente e a volte mi lascia veramente senza parole!
    A fine mese partiremo per il mare, così per 2 settimane mi potrò godere l'homeschooling a tempo pieno, non vedo l'ora :-)

    RispondiElimina
  2. Che bello, Autumn! Buon "sea-schooling", allora!!!

    RispondiElimina
  3. Bellissimi questi draghi, sopratutto quelli fatti col cartone delle uova!! Mi sa che la prossima volta che andiamo in fattoria a prenderle ce ne facciamo regalare qualcuno, perchè noi solitamente riutilizziamo sempre lo stesso!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Che bello andare a prendere le uova direttamente in fattoria!!!

      Elimina
  4. Ti lascio una frase di uno scrittore cattolico e intelligentissimo, che mi sembra il miglior commento: "Le favole non dicono ai bambini che esistono i draghi, i bambini già sanno che esistono.Le favole dicono ai bambini che i draghi possono essere uccisi." (G. K. Chesterton)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, cara d., per questo spunto così bello, profondo e vero. Come al solito, riesci sempre a vedere le cose con occhio analitico ed originale. Ho pubblicato la favolina di Giovanni proprio in quest'ottica, soprattutto in questo periodo così difficile in cui di draghi ce ne sono tanti.

      Elimina
  5. ogni spunto è buono per creare, bravissimi

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...