martedì 29 novembre 2011

Tabelline e vita quotidiana

Margherita è, in questi mesi, alle prese con le tabelline.
Siamo partiti con il concetto di moltiplicazione la scorsa estate. Moltiplicazione come addizione ripetuta, file, colonne... un modo per semplificare conti lunghi...
Poi, un po' alla volta, sono arrivate le prime tabelline: 0, 1, 2...
La bimba, che in generale non è particolarmente portata per la matematica, faceva un po' fatica. Le trovava noiose ed astruse, non le interessavano proprio.
Poi, un po' alla volta, le è "scattata la molla".
Ha capito il senso vero della loro conoscenza.
Ha capito la loro utilità nella vita quotidiana.
Così, per "caso", per gioco, per intuizione giusta da parte sua e nostra.
Il "trucco" è stato dimostrarle naturalmente quanto la conoscenza delle tabelline possa semplificare la vita.
"Mamma... quanti appartamenti ci sono nel nostro palazzo?" mi ha chiesto un giorno Mariangela.
Ed io: "Sono 3 appartamenti per 5 piani... Margherita, mi aiuti?" E lei, subito: "3x5=15! Mamma, sono 15 appartamenti, vero????" "Sì, bravissima!!!"
"E quante buchette della posta ci sono?" "Allora, sono 2 file da 8 buchette ciascuna... 2x8=16!!!".
E così via. Ora  la signorina ci ha preso gusto per davvero e, oltre a divertirsi a ripeterle ad alta voce in qualunque momento della giornata (come un giochetto di memoria ed abilità), riesce ad utilizzare la conoscenza delle tabelline per contare qualunque fila o gruppo di oggetti ordinati in casa.
Sono spesso i fratelli più piccoli che, vedendo schiermenti di oggetti, la chiamano subito: "Margherita, con questi puoi fare le tabelline!"
Così, abbiamo contato biscotti, tortelloni, tortellini, spazi per cioccolatini, castagne, frutta, pannolini di Tommaso, scarpe, scarpette, calzini...
Poi la bambina ha capito e fatto propria l'applicazione della proprietà commutativa della moltiplicazione, tanto che qualche giorno fa, da sola, si è ricavata gran parte della tabellina del 7, conoscendo già le precedenti 6...

P.s. Tra l'altro, proprio stamattina, Sybille ha pubblicato sul suo Buntmond un interessante post con vari riferimenti sull'apprendimento naturale della matematica.
 

All'inizio del percorso-tabelline abbiamo "allineato le mandorle", contandole  di 2 in 2... Margherita ha compreso subito l'esagerata lungaggine dell'operazione, confrontata con la semplice moltiplicazione su conoscenza delle tabelline.



4 commenti:

  1. Ti ho "pinnata" su pinterest in http://pinterest.com/Palmy/food-learning/

    RispondiElimina
  2. Oh, che onore!!! E' la mia prima volta su Pinterest! Grazieee!!!

    RispondiElimina
  3. ... E ora sei anche nei links di Love of Learning ;-)

    RispondiElimina
  4. Ciao!
    L.I.M. propone un modo divertente e veloce per ripassare le tabelline, e perchè no anche per studiarle!
    Il Mazzo di Carte delle Tabelline è un modo di studiare autonomo, autogestito dal bambino e adatto a consolidare i punti deboli di ogni alunno!
    Quindi che aspettate?

    Andate a vedere i VIDEO dedicati a questa nuova attività:

    https://www.youtube.com/watch?v=1_U7uzyNSBE&feature=youtu.be

    Qui trovate anche gli allegati per realizzare il vostro mazzo:

    http://laboratoriointerattivomanuale.files.wordpress.com/2014/05/mazzo_di_carte_delle_tabelline_scheda_tecnica_lim.pdf

    A tutti buon lavoro!!!

    Lo staff di L.I.M.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...