sabato 1 giugno 2013

I pompieri, che passione!

Da oggi dedicherò una serie di post al percorso didattico seguito da Giovanni (4 anni, tecnicamente sarebbe al secondo anno di Scuola dell'Infanzia) negli ultimi mesi.
Come sempre, i nostri progetti didattici nascono dall'interesse spontaneo dei miei figli.
Questa volta al centro delle nostre attenzioni c'è il mondo dei pompieri. 
Lo so, il termine esatto è "Vigili del fuoco": lo sa anche Giovanni, ma la parola "pompieri" ha un fascino irresistibile ed un'immediatezza speciale, che si imprime e conquista la mente bambina.
Tanto che Tommaso, nei suoi primi virtuosismi verbali (si sta sciogliendo ora col linguaggio, pronunciando almeno 10 paroline nuove ogni giorno ed iniziando a comporre frasette sempre più complesse ed articolate) già da mesi pronuncia con grandissima soddisfazione il suono "PUM-PA" ogni volta che vede un'autopompa.
Tutto ha avuto inizio lo scorso anno, nei giorni terribili del terremoto in Emilia.
Come molti di voi sanno, noi abitiamo in uno dei paesi più colpiti dal sisma, situato piuttosto vicino all'epicentro di entrambe le scosse più forti: la nostra cittadina ha subito molti danni, e la paura è stata tanta.
Però, in tutto questo turbinio di emozioni, i Vigili del Fuoco sono stati una presenza costante, attenta ed estremamente rassicurante per tutti noi, bambini compresi.
Vedere queste figure sempre presenti, sempre al lavoro, ammirare il loro coraggio, i loro equilibrismi e le loro fatiche ha fatto sì che, anche nella mente e nel cuore di Giovanni, i pompieri diventassero davvero degli eroi ed un modello a cui ispirarsi.
"Mi piacerebbe fare il pompiere, da grande... però ho un po' paura di fare tutte le cose coraggiose che fanno loro!"
Foto da: "Terremoto 5.9" - Baraldi editore 
Dai primi mesi dell'anno, questo interesse si è concretizzato sempre di più: i disegni di Giovanni, sempre più spesso, ritraevano i pompieri nella loro divisa e nei loro accessori, intenti in missioni speciali...


Tanta spontanea curiosità da parte del bambino ma ha, così, indotta a decidere di dedicare al mondo dei Vigili del Fuoco un progetto didattico fatto di disegni, di librini, di gioco, di immagini, di video e conoscenza diretta...

In questi mesi, abbiamo avuto modo di conoscere da vicino alcuni pompieri in un paio di occasioni: un bellissimo concerto in pala-tenda tenuto dalla Banda Nazionale dei Vigili del Fuoco ed un piccolo intervento di sicurezza da noi richiesto poco più di un mese fa...

Proprio ieri, inoltre, abbiamo avuto la fortuna di assistere per caso  ad una lunga esercitazione di un elicottero dei Vigili del Fuoco, durante una nostra scampagnata...

I pompieri sono entrati, naturalmente, anche nel gioco spontaneo e simbolico di Giovanni e Tommaso...


Nel prossimo post, una piccola bibliografia sui pompieri e tutti i disegni preparati per Giovanni, disponibili anche da stampare e colorare.

2 commenti:

  1. Anche i miei maschietti amano i pompieri! Feffo dice addirittura di volerlo fare da grande..aspettiamo i disegni da colorare! Baci baci mammasimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie,MammaSimo! Qui, invece, la predisposizione fisica e caratteriale al pompiere pare essere di Mariangela...
      Entro domattina i disegni saranno pubblicati.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...