venerdì 28 dicembre 2012

Recitina di Natale


Quest'anno, in occasione del Santo Natale, con i bambini abbiamo organizzato -per la prima volta- una recitina a sorpresa per nonni e zii, da mettere "in scena" nel salotto di casa nostra sia la sera della Vigilia che il giorno di Natale. Si è trattato di un copione molto tradizionale e breve, adatto a bimbi anche piccolini, la cui preparazione ha però ha entusiasmato i bambini già solo all'idea, e molto di più al momento stesso; una nostra prima piccola Sacra Rappresentazione della Natività.
Quattro i protagonisti: un Angelo narratore (Margherita), un Angelo annunciatore (Mariangela), la Madonna (Camilla), San Giuseppe (Giovanni) e, data la ancor scarsa collaborazione all'iniziativa da parte di Tommaso, un bambolotto come Gesù Bambino.
Il testo è semplice, un po' rielaborato da alcune parti reperite in rete, un po' aggiustato da noi; abbiamo cercato di equilibrare al meglio le parti, assegnando le parti maggiormente parlate a Margherita e Mariangela, riservando però i ruoli più centrali della scena del Natale a Camilla e Giovanni. In questo modo tutti erano contentissimi del proprio ruolo, garantendo, nel contempo, anche una buona riuscita allo spettacolino stesso.
Per realizzare i costumi, abbiamo voluto utilizzare solo ciò che avevamo già in casa, riciclando ed assemblando pezzi, ristrutturando o costruendo qualcosa, ma tutto molto semplicemente e con le  nostre mani ed idee. Tra l'altro, io non so minimamente cucire...
Il più è stato fatto per le ali delle angiolette, ma vi mostro comunque tutto nel dettaglio, per dare un po' di idee a chi ne sia eventualmente in cerca..

Angeli
Occorrente per realizzare le ali:
- plastica ondulata (a noi era rimasto un intero pannello rosso dalle decorazioni del nostro albero) o cartone sostenuto (tipo quello dei vassoi, che avevamo usato per le ali di farfalla);
- spray oro e/o argento, oppure colori acrilici;
- "coda" d'oro e/o d'argento per bordare le ali;
- colla vinavil e tanti brillantini;
- perforatrice o cacciavite;
- Cordicella dorata per le bretelle.  

Realizzazione:
- Ritagliare la sagoma delle ali
- Dipingerle d'oro o d'argento su entrambi ilati, lasciando asciugare completamente tra l'uno e l'altro.
- Praticare quattro forellini su ogni paio d'ali e farvi passare la cordicella dorata, a mò di bretelline.
- Incollare la coda dorata o argentata su tutto il bordo delle ali. Noi abbiamo utilizzato la colla vinilica, coperto con carta-forno e pressato ben bene con dei pesi (libri) per alcune ore.
- Per decorare e rendere luccicantissime le ali, si può cospargere la superficie con uno strato di colla vinilica, su cui poi versare brillantini dorati e argentati in grande quantità.
 Per gli abiti degli angioletti: un abito bianco (anche estivo, come nel nostro caso), oppure una camicia da notte (meglio se di mamma);
Coda d'oro per la coroncina e la cintura.
Collant rosso (e niente scarpe!), per un tocco pazzerello e molto natalizio.

Madonna
- una vestaglia o camicia da notte (meglio se di mamma)
- canottierina azzurra orlata di pizzo per il velo;
- In braccio: bambolotto-Gesù Bambino (da far "nascere" al momento opportuno), svestito, con pannolino e coroncina dorata.

San Giuseppe
- Maxi-maglia (di mamma o papà per l'abito);
- mantello (riciclo di un costume di carnevale da moschettiere)
- bastone 
- Lanterna (con mini-torcia all'interno, per un effetto più realistico, in tutta sicurezza) 


Sfondo: abitando in appartamento e facendo la recitina con la tavola già apparecchiata, le nostre possibilità erano piuttosto ridotte; abbiamo però adornato le tende bianche con stelline e stella cometa in carta e carta crespa gialla, pinzate con mollettine.


Ed ecco il nostro piccolo copione, preparato con cura, aggiustato e ripassato con scrupolo nei giorni da parte di tutti i bambini:


Angelo narratore 
In quel tempo, un Angelo andò da Maria e le disse:

Angelo 
«Ti saluto Maria, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne.
Non avere paura, tu hai trovato la grazia presso Dio. Ecco, avrai un figlio che chiamerai Gesù. Sarà il figlio di Dio e il re del cielo e della terra».

Maria 
«Eccomi sono la serva del Signore:  sia fatta la sua volontà!».

Angelo narratore 
In quei giorni l’imperatore ordinò un censimento generale.
Andavano tutti a farsi registrare.
Ciascuno verso la sua città, si mise sulla via.
Anche Giuseppe salì a Betlemme con la Vergine Maria.

San Giuseppe  
«Vieni, Maria, andiamo a cercare un posto per passare la notte. Purtroppo l’albergo è occupato!»

Angelo narratore 
Mentre si trovavano in quel paesello
avvenne il fatto più importante e bello:
Maria diede alla luce il suo figlio Gesù,
mentre una stella cometa brillava lassù.
C’erano in quella regione pastori e pastorelle
Che facevano la guardia alle loro pecorelle.
Quella notte un angelo del Signore si presentò davanti a loro e disse:

Angelo 
«Non abbiate paura, ecco, vi annuncio una grande gioia: oggi è nato un Salvatore che è Cristo Signore.
Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, che dorme in una mangiatoia. Una donna ed un uomo stanno accanto a lui, con un bue e un asinello.

Tutti: 
Gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra agli uomini di buona volontà!!!».



Devo dire che, nonostante uno stato influenzale diffuso e qualche incertezza di pronuncia data dall'emotività, la nostra recitina  è stata un successone: un'enorme soddisfazione per i bambini ed una graditissima sorpresa per i nonni, felici e commossi nel vedere i loro nipotini così euforici, attenti ed impegnati.   
Tra qualche giorno vi mostrerò il resoconto di questa bella esperienza, scritto e disegnato dai bambini

Edit: Con questo post, partecipiamo ai "Teachable moments" di Palmy.

7 commenti:

  1. Ogni giorno un crescendo di meraviglie!ma quanto siete bravi fantastici bimbifelici?ziaSimo si e' emozionata un sacco alla sola vista delle foto,immagino i vostri nonni e zii!un grande applauso anche da qui!mammaSimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ZiaSimo, come ci piacerebbe conoscervi dal vivo! Grazie, grazie, grazie!

      Elimina
  2. e chissà...pare che quest'estate salteremo per la prima volta le coste della nostra isola...se Dio vuole magari ce la si fa!un bacio siete toghissimi mammasimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daiii!!! Magari! Buona domenica, bella famiglia!

      Elimina
  3. Bravissimi! Un gran lavoro, decisamente!

    alessandra

    RispondiElimina
  4. Semplicemente meraviglioso!!! Complimenti, sicuramente nonni e zii erano commossi!

    RispondiElimina
  5. @ Alessandra e Sybille: grazie tante, ragazze! In effetti, le facce sbalordite all'"apparizione" dei nipotini vestiti così ed i volti commossi alla fine erano piuttosto eloquenti...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...