venerdì 3 luglio 2015

I libri di Margherita e Mariangela: Matilde

Questo venerdì ed il prossimo la mia rubrica di lettura si amplia: ospiterò la mia sorellina Mariangela, per due libri letti la scorsa estate ed apprezzati da entrambe. 

MATILDE
DATI EDITORIALI
Titolo: Matilde
Autore: Roald Dahl
Casa Editrice: Salani Gl’istrici
Numero di pagine: 221

GENERE DEL LIBRO
Romanzo

LUOGHI DELLA STORIA
Inghilterra, casa Dalverne, scuola, biblioteca, casa della signorina Dolcemiele.

TEMPO DELLA STORIA
Margherita: Un anno circa.
Mariangela:  dai tre ai cinque anni di Matilde

PERSONAGGI PRINCIPALI
Matilde, la signorina Dolcemiele, il signor e la signora Dalverne, la signorina Spezzindue e altri personaggi minori.

TRAMA di Margherita
Matilde è una bambina di quattro anni con un’intelligenza fuori dal comune: a diciotto mesi parlava correttamente, a tre anni aveva imparato a leggere e a quattro anni aveva già letto tutti i libri della biblioteca pubblica.
I suoi genitori, il signor e la signora Dalverne, odiano Matilde perché è molto diversa da loro e la offendono appena ne hanno l’occasione.
La madre è sempre occupata a giocare a Bingo e il padre è un truffatore che rivende auto usate e rubate.
Quando Matilde viene inserita a scuola spera che la sua vita cambi.
A scuola conosce la sua insegnante, la signorina Dolcemiele, che si accorge subito dell’intelligenza di Matilde.
Matilde conosce anche la direttrice della scuola, la perfida signorina Spezzindue, che per punire gli alunni li rinchiude nello strozzatoio, un armadio con le pareti rivestite di vetri o chiodi, o li fa roteare per i capelli.
Durante una lezione tenuta dalla signorina Spezzindue, Matilde viene accusata ingiustamente e a quel punto succede una cosa strana: dagli occhi di Matilde esce un calore magico, con il quale rovescia un bicchiere d’acqua addosso alla Spezzindue.
Quel pomeriggio Matilde viene invitata per la merenda a casa della signorina Dolcemiele.
La bambina scopre che la signorina Dolcemiele è molto povera e si fa raccontare da lei la sua triste storia.
Dolcemiele è orfana di madre e di padre e la signorina Spezzindue si rivela la sua perfida zia.
Matilde sa dalla Signorina Dolcemiele che la signorina Spezzindue è molto superstiziosa e tramite questo escogita un piano per mandarla via.
Il piano di Matilde riesce alla perfezione e la Spezzindue scappa.
Intanto anche il padre di Matilde è stato smascherato e la  famiglia Dalverne parte per la Spagna: Matilde viene adottata dalla signorina Dolcemiele e vivono per sempre felici e contente. 

COMMENTO PERSONALE di Margherita
Questo libro l’ho letto in un solo giorno!
Mi è piaciuto perché è leggero, buffo e divertente.
Secondo me, però, non è molto istruttivo perchè Matilde odia ed è odiata dai genitori.
 

TRAMA di Mariangela
Matilde è una bambina di cinque anni che ha un’intelligenza straordinaria ma i suoi genitori non se ne rendono conto.
Suo padre è un malfattore che vende macchine rubate e sua madre gioca sempre a bingo, per loro Matilde è solo un’incapace.
Dato che i genitori di Matilde sono sempre impegnati con le loro attività, la bambina va sempre in biblioteca, di cui ha letto tutti i libri.
Quando inizia la scuola Matilde spera che  la sua vita cambi.
Qui incontra la signorina Dolcemiele, che è un’insegnante molto gentile e dolce  che si accorge subito delle capacità di Matilde.
La direttrice è una perfida donna di nome Agata Spezzindue che per punire i bambini li mette nello strozzatoio, un armadio pieno di chiodi e vetri.
Un brutto giorno i bambini di prima devono stare con la Spezzindue e le fanno un dispetto di cui viene ingiustamente incolpata Matilde.
Lei è così arrabbiata che con i suoi occhi riesce a far rovesciare il bicchiere della signorina Spezzindue.
Quel giorno la signorina Dolcemiele invita Matilde a casa sua e Matilde scopre che  è molto povera, che la signorina Spezzindue è la zia della  signorina Dolcemiele e le ha preso la casa.
Matilde, grazie ai suoi poteri, riesce a trovare un modo per far restituire soldi e casa alla signorina Dolcemiele e la signorina Spezzindue viene cacciata dalla scuola.
Alla fine i genitori di Matilde scappano in Spagna perché il padre viene smascherato, così Matilde potrà stare  tutto il resto della  sua  vita con la signorina Dolcemiele.

COMMENTO PERSONALE di Mariangela
A me i libri di Roald Dahl piacciono perché sono allegri, divertenti, a lieto fine e per protagonista c’è sempre un bambino o una bambina.



Dopo la lettura del romanzo, abbiamo anche visto il divertentissimo film!


Con questo post partecipiamo al "Venerdì del libro" di HomeMadeMamma.
 e 


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...