lunedì 27 luglio 2015

Vacanze 2015: scatti dalla montagna


Eccoci con i ricordi in immagini delle nostre vacanze.
Anche quest''anno siamo tornati a Varena, l'ameno paesino in Val di Fiemme, nei pressi di Cavalese, dove già eravamo andati nel 2014.
Devo dire che tutto è andato molto bene: il tempo è stato splendido, caldo di giorno e freschino di notte, senza un minimo di afa, nè mai una giornata perturbata. Questo ci ha consentito di vivere al massimo la montagna strutturando ogni giornata in modo vario, di stare tanto a contatto con la natura e di far giocare tanto tanto i bambini.
Ogni anno, poi, i bimbi sono più bravi ed autonomi, anche durante le passeggiate.
Andando pian pianino, abbiamo percorso un bel numero di km a piedi e anche Tommaso, seguendo il fratellone Giovanni, si è dedicato all'esplorazione del bosco, alla ricerca di bastoni con cui giocare alle armi o ai ninja, da trasformare in archi, frecce, strumenti musicali, ecc.
Insomma, a differenza dell’anno scorso, non mi ha mai chiesto di venire in braccio, neppure dopo ore di camminata.
C’è da dire che lo stimolo più grande, per tutti e 5, è stato costituito dalla meraviglia della natura e... dai tantissimi gatti della zona.
Intanto, abbiamo ritrovato Romeo, la mascotte della scorsa vacanza, socievole come non mai: pensate che una sera, dopo un primo “innervosimento” dato dall’assalto di tanti bimbi chiassosi, ad un certo punto è uscito dal nascondiglio in cui si era rifugiato, ci ha seguiti per un pochino e poi, come già l’anno scorso, si è messo a  camminare davanti a noi, facendoci come “da guida” per le stradine di Varena. Ci precedeva e ogni tanto si girava per controllare che lo seguissimo, il tutto per una decina di minuti o più!
In generale, Varena è detta “il paese dei gatti”, ed in effetti, ne sbucano fuori in ogni angolo. Non vi dico le felicità dei bambini!
Tra le tante esperienze, un’emozione particolare è stata quella di andare sulla Marmolada (partendo da Malga Ciapela, a circa 2 ore da dove eravamo) con un impianto di risalita che, dai 1450 m, arriva ai 3265, sulle nevi perenni.
Io ci ero andata tanti anni fa e ricordavo ancora l’effetto-bomba di passare dall’estate all’inverno in una ventina di minuti, davvero unico: ho voluto quindi far vivere questa stessa emozione ai miei figli, che hanno gradito tantissimo.
Un altro elemento ricorrente nella nostra vacanza è stata l'acqua: nei tanti ruscelletti e torrenti, ovviamente, ma anche in due esperienze nuove e molto stimolanti: quella del percorso Kneipp, innanzitutto (potete vedere chi fosse Sebastian Kneipp e di cosa si tratti in generale; qui, invece, soprattutto nel pdf, vi è proprio il percorso che abbiamo fatto noi e una buona spiegazione del metodo e della sua basse teorico-religiosa).
Un altro divertente momento acquatico è stato quello sull'Alpe Lusia, nel "parco giochi acquatico" denominato Giro d'ali.
La giornata più intensa è poi stata quella in cui ci siamo dedicati alla geologia tramite il percorso tra i Bletterbach partendo dal Geoparc di Aldino e Redagno: guardate un po' qui!
Con i bimbi, poi, ogni occasione è buona per “studiare con mano” la teoria dei loro testi di storia, geografia e scienze.
Abbiamo ripassato la flora e la fauna delle Alpi, i piatti tipici del Trentino, il concetto di regione a statuto speciale e di bilinguismo, per non parlare delle aghifoglie, dei vari tipi di foglie e di radici!
Il tutto super-naturalmente, semplicemente all’imbatterci con gli elementi naturali durante le passeggiate.
Giovanni, poi, un giorno, scendendo da un rifugio, non ricordo nemmeno come, ha magicamente dedotto il concetto il concetto di “numeri pari” e da lì, immediatamente, ha ricavato la tabellina del 2, che ha ripetuta  ed acquisito durante  la fatica del tragitto, con una soddisfazione enorme.
Margherita, dal canto suo, ha scritto un racconto ambientato nel bosco e Tommaso leggeva tutte le targhe e gli stemmi di auto, moto e trattori! 
L'ultimo giorno, poi, abbiamo fatto tappa all?eremo di San Romedio: un santuario meraviglioso per la sua spiritualità e famoso per il fatto che ospiti un esemplare di orso bruno (qui il perchè).
Ora la smetto di "ciarlare" e lascio la parola alle nostre foto.

Lunedì 13 luglio
Arrivo a Varena

 Passeggiata nel bosco fino a Daiano



Martedì 14  luglio
Passo Lavazè


Passeggiata nel bosco fino a Malga Costa





Mercoledì 15 luglio
Marmolada










Giovedì 16 luglio
Passeggiata Fraul: i larici monumentali ed il candelabro 




Percorso Kneipp






Venerdì 17 luglio
Alpe di Pampeago




Sabato 18 luglio
Bletterbach





Domenica 19 luglio
Alpe Lusia






Moena


Lunedì 20 luglio
Santuario di San Romedio








Parchi, parchetti e momenti di svago

Flora alpina


 Nel prossimo post, i temi ed i disegni dei bambini sulla nostra settimana in montagna.

7 commenti:

  1. Momenti gioiosi e costruttivi,che bello!

    RispondiElimina
  2. Un posto fantastico io adoro la montagna foto bellissime ho pssseggiato con voi grazie

    RispondiElimina
  3. Bellissime foto con bellissimi soggetti . Un abbraccio Chiara

    RispondiElimina
  4. Come mai tutte le vostre esperienze risultano bellissime e piene di gioia? Quasi, quasi potremmo fare che l'anno prossimo la organizziamo assieme, veniamo via con voi e così "rubo" la ricetta!!!!!!!! Bellissimo il tutto. Adele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella idea, tutti insieme saremmo una bella combriccola!

      Elimina
  5. Bravi e felici come sempre!! E' una gioia vedervi così ed è fantastico tutto quello che fai per i tuoi cuccioli!!!!!
    Grazie per le belle immagini che permettono un giretto in montagna anche a chi, come noi, starà a casa!!
    Un abbraccio, spero di vedervi presto.
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te!
      E' incredibile ma... mi sono accorta solo adesso dell'esistenza del tuo blog: è bellissimo e molto sofisticato nelle immagini e nei colori!!!
      A presto, certo!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...