domenica 31 agosto 2014

Avventura sugli alberi

Qualche settimana fa i bambini hanno vissuto l'esperienza per loro nuova e meravigliosamente emozionante di un parco avventura.
Siamo stati ad Esploraria, nei pressi di Zocca (MO), per una serie di percorsi in cui i bambini hanno fatto "albering".
L'alternarsi dei percorsi, le arrampicate, l'agganciare e sganciare continuo dei moschettoni, l'uso della teleferica sono stati un'emozione ed un'impresa per tutti, ma in particolare per Camilla che, nonostante le sue difficoltà, è riuscita ad ultimare tutti i percorsi con gioia ed enorme soddisfazione.
Non mi dilungo oltre perchè ritengo più proficuo lasciare la parola alle foto, ai temi-pensieri scritti direttamente dai bimbi ed ai loro disegni.


Avventura sugli alberi
Margherita
Giovedì 14 agosto io e la mia famiglia, insieme ad alcuni nostri amici, siamo andati nei dintorni di Zocca in un parco avventura di nome “Esploraria”, in cui abbiamo fatto “albering”.
Fare “albering” significa inoltrarsi in una serie di percorsi sospesi tra un albero e l’altro: ponticelli traballanti, botti vuote, reti, funi a cui aggrapparsi, assi strette e lunghe e divertentissime teleferiche, il tutto nella massima sicurezza.
Infatti ci avevano fatto indossare una speciale imbragatura di sicurezza composta da cinghie varie, corse, due moschettoni per agganciarci saldamente alle funi e un casco di protezione; inoltre abbiamo seguito un piccolo corso dove ci hanno insegnato come usare i moschettoni.
Io ero emozionatissima e mi sentivo come una scalatrice prima della scalata!
Dopo di che abbiamo cominciato a fare i percorsi veri e propri.
All’inizio avevo paura perché non ero mai stata in un parco avventura e l’altezza mi aveva sempre spaventata poi, però, mi sono fatta coraggio e ho vinto la mia paura.
C’erano quattro percorsi per bambini e il mio preferito è stato, stranamente, uno dei più spericolati: si camminava su una fune sospesa e ci si aggrappava con le mani ad una corda più in alto. È stato a dir poco FA-VO-LO-SO!
Il tutto è durato circa tre ore, dopo di che ci siamo goduti, insieme ai nostri amici, un ben meritato pic-nic con la crostata preparata la mattina stessa da me e dalla mia sorellina Mariangela.
Poi abbiamo giocato con i nostri amici.
Quando siamo saliti in macchina per tornare a casa io e i miei fratelli siamo crollati a dormire come dei sassi.
È stata un’esperienza indimenticabile.

Camilla
Giovedì scorso siamo andati in un parco avventura.
Ci hanno messo un’imbragatura con i moschettoni e un casco.
Siamo saliti su dei ponticelli, delle teleferiche, delle reti e dei tubi in alto sugli alberi.
E’ stata una bella giornata e mi sono divertita moltissimo.

Mariangela
Il 14 agosto io e la mia famiglia siamo andati ad Esploraria con i nostri amici.
Esploraria è un parco avventura vicino a Zocca.
Per prima cosa ci siamo imbragati e dopo siamo andati su una piccola teleferica, ma era solo un’esercitazione!
Poi dopo siamo passati ai percorsi veri e propri: erano mitici!
C’erano ponti sospesi, tubi da attraversare, teleferiche, funi e reti appese tra un albero e l’altro.
La mia parte di percorso preferito è stato un ponticello sospeso.
Quando ho finito tutti i percorsi ero un po’ dispiaciuta perché il tempo mi era sembrato poco, allora ho rifatto il percorso numero uno.
È stato fantastico! 

Pensieri

Giovanni
Un giorno siamo andati in un parco avventura di nome Esploraria e abbiamo fatto albering.
Abbiamo messo dei caschi in testa e un’attrezzatura che ci faceva andare su tante cose: dentro reti, sopra ponticelli, sopra pini.
Ci agganciavamo a tante corde con dei segni rossi con dei moschettoni e c’erano anche teleferiche lunghissime.
C’erano anche alcuni nostri amici.
All’inizio avevo un po’ di paura perchè ero sganciato e non arrivavo ai segni rossi, ma poi dopo non avevo più paura e mi sono agganciato.
Mi sono divertito tanto.


martedì 26 agosto 2014

Il pranzo dell'estate 2014


Eccoci finalmente al nostro pranzo dell'estate 2014.
Dopo avervi parlato di centrotavola e tavola, oggi vi mostreremo tutti i preparativi in cucina e le portate finite.
Tutto, come sempre, ha avuto inizio con la scelta dei piatti da preparare e la stesura del menù.
Questa volta abbiamo scelto piatti colorati e vari, tra freschezza e ghiottoneria, attingendo a piene mani dai tanti e squisiti prodotti ortofrutticoli dell'estate: pomodori, melanzane, basilico, pesche, albicocche, ciliegie, susine... per un trionfo di colore e profumo ed un pieno di preziose vitamine. 

Ora vi mostrerò i passo-passo delle varie preparazioni, ispirate dalla tradizione della cucina italiana ma semplificate in modo da poter essere realizzate interamente dai bambini. .

TAGLIOLINI AL PESTO
I tagliolini
Abbiamo preparato la classica sfoglia con uova e farina, che i bambini hanno lavorato a mano e tirato prima con il mattarello...

E poi con la macchinetta. Una volta ottenute tante lingue di sfoglia, i bimbi ne hanno poi ricavato una bella distesa di tagliolini. 

Il pesto
Per preparare il pesto, abbiamo scelto di evitare frullatori elettrici, ma di procurarci un vero mortaio.
Così, unendo basilico, pinoli, parmigiano grattugiato, olio e... tanta tanta pazienza... ecco fatto!


ROAST- BEEF SAPORITO
Abbiamo preso un bel pezzo di carne di manzo legata e l'abbiamo massaggiato con olio, sale, rosmarino. Poi l'abbiamo passato nella farina e messo a rosolare con tocchettoni di sedano, carota e cipolla.

Una volta formatasi la crosticina, il tutto è stato poi sfumato con un goccino di brandy, poi cosparso di brodo  e messo in forno. Una ventina di minuti, e la carne è stata pronta!

A questo punto,abbiamo frullato le verdure stufate con il liquido di cottura, per ottenere una salsa densa e cremosa da accompagnare alla nostra carne.

MELANZANE E PATATE ALLA PARMGIANA
Una preparazione di per sè articolata per due piatti preparati in poco tempo grazie al famoso adagio: "L'unione fa la forza!".
Il punto di partenza sono state delle melanzane fresche e turgide e, per i meno amanti delle verdure, delle patate gialle e sode.

Per entrambe le preparazioni, abbiamo prima preparato un sughetto di pomodoro veloce...

... , grattugiato il parmigiano e tagliato prima e fette e poi a cubetti tanta mozzarella e un po' di formaggio filante.

MELANZANE ALLA PARMGIANA
Per prima cosa, abbiamo tagliato a fette il più regolari possibili le melanzane.

Poi le abbiamo cosparse di sale grosso, in modo da far loro perdere l'eccesso di "acqua amarognola". 
A questo punto, le fette di melanzane sono state lavate ed asciugate.

Questa volta, ho affidato a Margherita il compito di friggere le melanzane. Con la mamma vicina, la padella a debita distanza e le pinze in mano, anche a frittura può essere un'attivtà da bambini.

Andando poi a comporre il piatto, abbiamo alternato fette di melanzane fritte, formaggio a cubetti, pomodoro e parmigiano, il tutto in più strati.


PATATE ALLA PARMGIANA
Le patate sono state prima sbollentate e poi lasciate raffreddare. Quindi, le abbiamo sbucciate e tagliate e fette. 

Abbiamo composto anche questa preparazione alternando patate, formaggio a cubetti, sugo di pomodoro e parmigiano in più strati.

Come per le melanzane, abbiamo reso più semplice e divertente l'azione di cospargere il pomodoro mettendo il sugo in una bottiglia con beccuccio.

PINZIMONIO GUSTESTIVO
Mariangela, particolarmente amante delle verdure fresche, si è dedicata a lavare, pulire e tagliare sedano, pomodori, pomodorini datterini, peperoni e carote, disponendoli poi su un piatto, pronto da servire in tavola.


MERINGATA ALLA FRUTTA ESTIVA
Per questo dolce - ispirato a quello del pasticciere Salvatore de Riso - siamo partiti dalla marmellata di albicocche preparata tutta dai bambini lo scorso mese di luglio.


Per il dolce vero e proprio, abbiamo dapprima preparato due dischi di meringa.

Poi, abbiamo preparato la crema pasticciera, e montato, separatamente, la panna ed altri albumi d'uovo zuccherati. 

Una volta raffreddata la crema, i tre composti sono stati amalgamati delicatamente, fino ad ottenere un crema soffice, delicata e leggera.

Quindi, siamo andati a comporre il dolce: in un anello a cerniera abbiamo un disco di meringa, poi metà della crema soffice. Abbiamo messo in congelatore per un po', quindi abbiamo versato sopra uno strato di marmellata e rimesso in congelatore. Dopo un altro po', abbiamo versato sopra la crema rimanente ed ultimato chiudendo con il secondo disco di meringa.

Così composta, la nostra meringata è stata conservata in congelatore fino ad un'oretta prima di essere decorata e servita.

CROSTATA ALLE PESCHE E AMARETTI
Abbiamo preparato la classica pastafrolla, poi l'abbiamo tirata, messa in uno stampo di silicone e cosparsa di amaretti sbriciolati (per il loro sapore e perchè assorbissero l'eccesso di umidità delle pesche).
Poi. abbiamo lavato le pesche e le abbiamo tagliate a fettine, che abbiamo cosparso sulla pastafrolla ancora cruda.
Un'infornata fino al raggiungimento del profumino perfetto, et voilà!




Dopo tutti questi preparativi, ecco le nostre portate finite, servite in tavola!

PRANZO DELL’ESTATE 2014 

TAGLIOLINI AL PESTO


ROAST- BEEF SAPORITO




MELANZANE ALLA PARMGIANA


PATATE ALLA PARMGIANA


PINZIMONIO GUSTESTIVO


MERINGATA ALLA FRUTTA ESTIVA




CROSTATA ALLE PESCHE E AMARETTI



Grazie per la pazienza e buon appetito a tutti!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...