lunedì 10 marzo 2014

W gli indiani!


Come avete potuto vedere nel post precedente, quest'anno il nostro carnevale è stato tutto da indiani.
Sapete da dov'è partita questa idea?
Da una giornata in spiaggia, in pieno inverno, mentre, seduti in cerchio sulla sabbia, io e i bambini, per giocare e rilassarci, ci siamo divertiti a cantare ed insegnare a Tommaso le canzoncine mimate che tanto piacevano loro quand'erano piccolini.
Tra queste, "Gli indiani". La conoscete?
Beh, da questo giochino semplice e un po' nostalgico, siamo poi arrivati a "Ten little indians", la classica canzoncina perfetta per far imparare i numeri da 1 a 10 in inglese.
Allora, sempre in riva al mare, abbiamo iniziato a giocare agli indiani, e poi a progettare di travestirci da indiani, a raccogliere conchiglie per farne delle collanine, ecc.
Una volta tornati a casa, il progetto si è sviluppato via via, dapprima andando a cercare in rete i video della canzoncina inglese:

Poi, con alcune schede sulla canzoncina, tra cui:

Margherita, intanto, ha imparato a suonarla sulla tastiera...

I dieci piccoli indiani, sono poi stati illustrati:
Margherita
Mariangela
Intanto, Giovanni, spontaneamente, si è messo a "produrre" una quantità sterminata di indiani, con tanto di accessori, totem, tende, ecc. 





Camilla, invece, si è allenata a ricordare la successione dei numeri da 0 ad 80 con questo:

E a colorare questo capo indiano seguendo le indicazioni in inglese:



Abbiamo poi pensato di decorare a tema-indiani anche la nostra porta di casa, sempre nel periodo di carnevale.
In rete abbiamo trovato diverso materiale - cercavamo soprattutto facce e maschere - pronto da colorare e ritagliare.
Indian-American-coloring-page
classica-mascherina-da-indiana
bimba indiana
bimbo indiano con arco e frecce
cowboy-e-indiano


Ogni bimbo ha scelto quelle che preferiva e le ha colorate con pastelloni Woody:



Anche Tommaso ha partecipato a quest'attività:

Ed ecco qui la nostra coloratissima porta di casa!


Se qualcuno volesse approfittare della nostra raccolta di facce da indiano (un po' modificate rispetto alle originali) può scriverci in privato!
Nel prossimi due post, ancora indiani, ad acquerelli! 

8 commenti:

  1. E tutte queste stronzate invece di studiare?
    Ma cosa devo aspettarmi da te?
    Una che scrive sul blog: "mio marito è morto all'improvviso, ma i bambini stanno bene, proseguono la loro vita e sono felici"2 ore dopo averlo seppellito.
    Ma ti sei mai soffermata a chiedere ai tuo figli cosa provano veramente?
    Cona quale dolore lancinante devono fare i conti ogni giorno?
    Ma no, noi disegnamo gli indiani e ci divertiamo con cagate da bambini di 2 anni, anche se ne abbiamo 10.
    Tanto l'importante che la cosa vada bene a te, non ai tuoi figli.
    Poveri loro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi si deve aspettare cosa da chi?
      E' facile (e ferocemente crudele) fare commenti del genere dietro l'anonimato!
      La prego di uscire di qui, se crede di sapere ciò che è meglio per noi.
      Io cerco solo di aiutare i miei figli ad andare oltre all'atroce dolore, e di rispettare nel contempo ciò che mio marito stesso mi ha ripetutamente chiesto di fare.
      Lo studio c'è, ed impegna attivamente gran parte delle nostre giornate, oltre che delle mie notti insonni.
      Poi c'è il gioco, c'è la leggerezza, c'è il cercare -con grande fatica- di continuare su quella che era "la nostra" strada.
      C'è un bimbo di ancora 2 anni che non ricorderà il viso o la voce di suo padre, ma ha il diritto di vivere la semplicità di questa età.
      Ce ne sono altri 4 considerati grandi che hanno visto e vissuto - tra gli 8 ed i 4 anni - un macigno tremendo .
      C'è così tanto dolore dentro, che non capisco come ci si possa divertire a giudicare ed infierire così...

      Elimina
    2. Le do un buon consiglio signor 2sono politicamente corretto perchè mi incazzo a morte se dei bimbi giocano agli indiani", perchè non va a coccolare un pò di negri o a tenere compagnia a qualche branco di zingari tagliagole! Forse si sentirà più appagato che insultare una povera donna bianca italiana che di certo la fortuna non la proprio baciata, visto che oltre un lutto deve pure subirsi gli insulti di un pezzo di merda come te!
      Condoglianze a lei signora.

      Elimina
  2. Dio mio che maleducato! Si vergogni! Mamma elly sei una forza in tutto e per tutto. Ti vogliamo bene.Elena Michele e bimbi. I tuoi figli sono splendidi e rispecchiano Tutto il tuo amore anche nel dolore e nella fatica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, siete dei veri amici!

      Elimina
  3. Ciao Mamma Elly, mi dispiace che ci sia qualche DEMENTE che si ostini a non farsi i fattacci suoi ed ad esprimere commenti di questo genere (visto che non è il primo che fa). Perchè la persona in questione se ha bisogno di aiuto non lo chiede in maniera esplicita, quale è il suo problema? Perchè è evidente che un problema lo ha!!!! La mia mamma ogni tanto mi diceva un detto :" Chi di invidia campa disperato crepa"....ai posteri l'ardua sentenza. Ma bando alle ciance, quando è che ci vediamo? Noi dovremmo venire a vedere la mostra di Matisse, potrebbe essere una occassione? Sei sempre fonte di ispirazione per me, ti prego non mollare e non abbatterti mai!!!!!! Un abbraccio forte forte a te e ai tuoi bimbi, che possa allontanare o almeno alleggerire le fatiche e i dolori. A presto Adele

    RispondiElimina
  4. Ciao cara Elly, hai sprecato del tempo prezioso, a rispondere a qualcuno che non ha il coraggio di mettere il suo nome.
    Giorgio è sicuramente orgoglioso di te.
    Ti abbraccio forte forte :)

    RispondiElimina
  5. Adele, Maria Grazia, Elena: vi voglio bene!!!:

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...