martedì 4 marzo 2014

Costumi di carnevale ed accessori da indiani

Finalmente, nel giorno di Martedì grasso, riesco a mostrarvi i nostri costumi di carnevale di quest'anno.
La premessa è che, pur avendo ciascuno almeno un costume che andasse bene dagli anni passati, a me e ai bambini, un paio di mesi fa, è venuta in mente l'idea di provare - per la prima volta - a prepararne dei nuovi tutti fatti da noi. Impresa apparentemente ardua, senza saper minimamente cucire...
Però, ecco, come soggetto ci è subito venuta in mente una coloratissima tribù di indiani... perchè questo in effetti siamo: una famiglia-tribù.
Questo progetto è stato coccolato e coltivato per settimane un po' da tutti con disegni, ricerche varie, cartoni animati ed acquerelli di cui vi parleremo un po' alla volta. 
Ma oggi partiamo proprio dai costumi e dagli accessori.

1 - I COSTUMI
Per prima cosa, ci siamo procurati le materie prime: per ogni bambino, un abitino invernale o un completo felpa-pantaloni poco usato da "sacrificare". Abbiamo scelto tinte vivaci ed unite, perchè volevamo una base accesa ma il più neutra possibile.
Poi, abbiamo acquistato tanti fogli di pannolenci ed altri di gomma crepla in tanti colori diversi.
Ogni foglio di pannolenci - della misura A4 - è stato poi tagliato a metà, così da ricavarne due strisce.
A questo punto, ho tagliato ogni striscia, ricavandone tante frange variopinte.
Ed ecco che, anche solo appoggiate in prova agli abitini, le frange hanno iniziato a dar vita a qualcosa di interessante...

A questo punto, valutate diverse ipotesi, ho deciso di buttarmi, provando a realizzare i costumi da indiani semplicemente... con la colla.
Semplicissima colla vinilica spennellata con ordine sotto ad ogni frangia, fino a dar vita, fila dopo fila, a cinque costumi. 
Gli unici accorgimenti sono stati quello di decorare con le frange anche i polsi degli abiti per le bambine e, per i maschietti, le maniche e la lunghezza dei pantaloni.


Eccoli qua, appena confezionati, appesi alle grucce! 







2 - I COPRICAPI
L'elemento caratteristico degli indiani d'America, però, è il copricapo con le penne.
Dopo aver tanto girovagato in rete e vagliato diverse idee che ci parevano forse troppo fragili per la nostra tribù, noi abbiamo pensato di realizzarli in gomma crepla.
Per prima cosa, abbiamo ritagliato delle lunghe strisce da fogli di questo materiale in formato A3.
Poi, abbiamo ritagliato anche molte penne di tutti i colori che avevamo a disposizione. Per la forma non usato alcun modello: solo delle forme "a foglia allungata" su cui ho praticato diversi taglietti trasversali, a lisca di pesce. Ogni penna finita sarebbe stata composta da un fronte e da un retro identici tra loro.
Tra una parte e l'altra ho messo una cannuccia in tinta, fissando i tre pezzi con colla per materie plastice e qualche punto metallico.
Per decorare il tutto, sulle fasce abbiamo poi incollato tanti triangolini sempre in gomma crepla multicolore, ricavati da ritagli vari.

A questo punto, siamo andati a comporre i copricapi chiudendo con la puntatrice le fasce secondo la misura della circonferenza della testa di ognuno e fissando tre penne sul retro di ogni fascia.
Per Giovanni-capo indiano, invece, le penne sono state molte di più, per un copricapo davvero ricco e grandioso!

3 - GLI ACCESSORI
Infine, ci siamo dedicati ad alcuni accessori.
Innanzitutto, abbiamo pensato a dei  I BASTONI DELLA PIOGGIA, da far realizzare tutti ai bambini.
Come base, abbiamo utilizzato dei tubi di cartone robusto, che abbiamo riempito con pastina di piccole dimensioni e chiuso alle due estremità con del nastro adesivo gommato.
Poi, ogni bimbo ha dipinto il proprio bastone con colori acrilici e, una volta asciutto, lo ha ripassato con vernicetta lucida trasparente.
Per i maschi, il lavoro è poi proseguito trasformando i bastoni in manici di ASCE o, come dice Tommaso, "martelli da indiano".
Per realizzare l'ascia, abbiamo ritagliato una forma irregolare di cartone spesso, l'abbiamo dipinta d'argento con la bomboletta spray e, una volta asciutta, abbiamo inserito questa parte sul bastone, semplicemente praticando un taglio ad un'estremità del bastone stesso.
 Per l'ascia del capo indiano, un ornamento in più: due penne di pannolenci su cannucce, incollate in alto.



Per le bambine, abbiamo poi pensato a delle COLLANINE DI CONCHIGLIE COLORATE...


E a delle FRANGE PER GLI STIVALI - sempre in pannolenci - da applicare - con quattro pezzetti di velcro adesivo -alle loro calzature.

E dopo l'ultimo, irrinunciabile tocco di trucco e parrucco...ecco finalmente, i nostri indiani in tutto il loro splendore!
 



 

 
 

 Ed eccoli in versione tribù!!!
 

Ed ora, gli ultimi due componenti della tribù: 
 
Provate ad indovinare il nome che i bambini hanno scelto per la nostra tribù...
Risposta: la "Tribù Bimbi Felici"!!!!!

Concludo con i temi-pensieri che le bimbe hanno svolto sui loro costumi e con i disegni con i quali sono stati illustrati.

Camilla




Mariangela


Margherita



Giovanni:


Con i nostri costumi, partecipiamo all'iniziativa di NonnAnna de l'inventafavole:

Ed alla Raccolta progetti di Carnevale 2014 di Kreattiva:

14 commenti:

  1. Come siete belli!!!
    Sono passata apposta per vedere come vi eravate vestiti :-)
    Anche per noi costume "di famiglia": io e Agnese eravamo due streghe e marito un mago o come dice Agnese un "gommo" :-)
    Un bacione a voi

    Luana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella idea! Mi piacciono i travestimenti familiari!

      Elimina
  2. MammaElly sei un portento e riesci a trasmettere tutta la tua meravigliosa positività anche ai tuoi favolosi bimbi.
    Il nome "Tribù Bimbi Felici" non poteva essere più azzeccato!
    Complimenti, complimenti ed ancora complimenti a tutti ed un grandissimo abbraccio
    da una nonna che vi ammira moltissimo

    RispondiElimina
  3. Bravissimi e bellissimi, come sempre!
    Un abbraccio forte forte a tutti voi!

    RispondiElimina
  4. Ciao Elisa!
    Che colori! E complimenti per essere riuscita a convincere le bambine a non vestirsi da principesse! Conosco una colla per pannolenci davvero ottima ma al momento ho un vuoto di memoria per il nome. Ah, una domanda: dove hai trovato i fogli in gomma crepla formato A3?A presto, flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, Flavia, avevo visto anch'io una colla per pannolenci, ma ho poi optato per la classica vinilica perchè dovrebbe venire via col lavaggio e permetterci di recuperare gli abitini...
      La gomma crepla A3, così come il pannolenci ed altro materiale, la acquisto su http://www.creafamily.it/!

      Elimina
  5. Elisa sei fenomenale!bimbi superlativi!un abbraccio super augh!mammasimo

    RispondiElimina
  6. bellissimissimi Leo è in fissa con i totem indiani appena vi ha visto naturalmente ha chiesto di replicare e io felice lo accontento . grazie mille un bacione Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello esservi utile! Dì a Leo che nel prossimo post arriveranno un po' di disegni di indiani da colorare!

      Elimina
  7. allora aspettiamo con ansia grazie mille un bacione Chiara

    RispondiElimina
  8. Ma quanto vi siete divertiti? Complimenti per i costumi, ma soprattutto per la bella tribù!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...