venerdì 19 febbraio 2016

I libri di Margherita: Barattolo

Oggi vi parlo di un libro di cui ho letto diverse recensioni positive, ma che a me non è piaciuto molto...
BARATTOLO

DATI EDITORIALI
Titolo: Barattolo
Autore: Anna Russo
Casa Editrice: A new way of life, formato e-book
Numero di pagine: 61

GENERE DEL LIBRO
Racconto.

LUOGHI DELLA STORIA
Carcere femminile, tubi di aerazione.

TEMPO DELLA STORIA
Dalla nascita all’età adulta di Barattolo.

PERSONAGGI PRINCIPALI
Barattolo, Sophie, detenute, capitano, forze armate.

TRAMA
In una notte tempestosa, in un carcere femminile, arriva una donna scappata alla guerra di un paese molto lontano che nasconde un grande segreto: è incinta.
Arrivata nella sua cella, la donna muore, ma nello stesso istante in cui lei muore nasce il bambino, grande pressappoco come un barattolo di latta.
Il bambino sarebbe morto di sicuro se, dalla misteriosa oscurità della cella, non fosse emersa Sophie, una detenuta che è stata arrestata ingiustamente e purtroppo gode della fama di matta solo perché la sua mente è diversa dalle altre e vede oltre le apparenze.
Sophie raccoglie il bambino e, avendolo inizialmente scambiato per un barattolo rotolato giù dal letto, decide di chiamarlo Barattolo.
Così comincia l’insolita vita di Barattolo, una vita chiusa dentro un carcere, una vita condotta dentro i tubi di aerazione, perché Sophie pensa che sia il posto più tranquillo e sicuro per un bambino.
Nessuno sa dell’esistenza di Barattolo, perché la ragazza crede che se qualcuno sapesse dell’esistenza di un bambino lì, di certo lo manderebbero in un orfanotrofio o robe del genere e lei non vuole perdere il suo bambino.
Barattolo continua a vivere così per ben sette anni e mezzo, finchė un giorno il suo mondo viene cambiato per sempre.
Succede che arriva una nuova direttrice.
Quest’ultima, per far capire fin da subito che per nulla al mondo si farà mettere i piedi in testa, toglie per quella settimana l’ora d’aria e annulla il pranzo.
Le povere detenute, che già avevano ben poco, non possono sopportare l’idea che venga loro tolto quel poco che hanno e così cominciano una ribellione.
La  direttrice, ancora molto inesperta, non sa più che pesci pigliare, così chiama tutte le forze dell’ordine che le riesce di ricordare.
Nel frattempo le carcerate si riuniscono nella sala mensa e per la prima volta vedono Barattolo.
La detenute si accendono ben presto di una luce nuova e magnifica: quel bambino è lì con loro e loro lo devono proteggere e aiutare.
Ben presto arriva il corpo speciale della polizia, che cerca di entrare dalle finestre.
Purtroppo il capitano tenta di entrare dalla finestra centrale, il cui vetro è blindato.
Facendo ciò si mette in ridicolo e, quando finalmente riesce ad entrare, succede una cosa strana.
Barattolo, nascosto nei tubi d’aerazione, comincia a ridere.
La sua risata si diffonde in tutta la sala e il capitano ne rimane talmente colpito che nei giorni seguenti, nonostante le giustificazioni e le bugie delle detenute, passa tutte le giornate ad ascoltare i tubi da cui era vento il misterioso rumore.
Fortunatamente Barattolo, che non vuole essere scoperto, non fa il minimo rumore.
Il capitano, però, ben determinato a scoprire il segreto di quel tubo, una notte decide di entrarci.
Essendo di corporatura minuta, ci passa senza difficoltà ed è proprio lì che incontra Barattolo, tutto sorridente e per niente spaventato dal nuovo arrivato.
Quella notte il capitano sente di aver avuto il figlio che non gli è mai arrivato.
Da quel giorno il carcere cambia: chiunque entra in quel carcere ne esce trasformato, per poi tornare come cameriere, cuoche, infermiere ecc...
Un giorno arriva perfino un ragazzo, che diventa il nuovo direttore.
Per scherzo si fa chiamare Barattolo.

COMMENTO PERSONALE
Questo libro non mi è piaciuto molto.
L’ho trovato privo di un argomento su cui sviluppare un racconto e non ne ho ben compreso il finale.
Inoltre, secondo me, tutta la parte del vetro blindato, della brutta figura e quindi di tutto il “succo della questione” è insensato.
È però un’idea molto originale quella del bambino che vive nascosto nei tubi d’aerazione di un carcere.




Con questo post partecipo al  "Venerdì del libro" di "HomeMadeMamma".

1 commento:

  1. Insomma un non consiglio!sono sempre utili, così se ci incappiamo lo evito!:-)buon weekend

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...