lunedì 11 novembre 2013

Il latte ed il suo ciclo produttivo


Dalla mucca, siamo passati direttamente a parlare del latte e del suo ciclo di produzione.
Senza dilungarmi troppo, vi presenterò subito il nostro lavoro.
Ho preparato dei disegni con didascalie, che le bambine hanno scelto di utilizzare a proprio modo: Camilla ha preferito colorarli, mentre Margherita e Mariangela li hanno presi a modello per disegnare di loro pugno ogni fase del ciclo del latte.

Ve li mostro tutti: in ogni gruppo di tre, il primo è il disegno preparato da me e colorato da Camilla; il secondo è realizzato da Margherita; il terzo da Mariangela.



PASCOLO. In estate le mucche vanno al pascolo in alpeggio. Mangiano erba fresca e fiori e respirano aria buona.
Poi, quando comincia a fare fresco, scendono a valle e vanno ad alloggiare nelle stalle.

MUNGITURA. Ogni giorno  le mucche vengono munte due volte, la mattina presto e nel tardo pomeriggio. Una volta la mungitura veniva fatta a mano.

Oggi i tempi sono cambiati e questo lavoro viene fatto quasi ovunque dalla macchina mungitrice.

FILTRATURA. A questo punto c’è una  prima filtratura. Il latte viene filtrato attraverso una serie di filtri molto sottili, in modo che possano passare solo liquidi e si elimino i residui, come sporco o peli.

REFRIGERAZIONE.  Appena munto, il latte deve essere refrigerato, cioè messo al fresco. Il freddo è molto importante per la conservazione del latte. La temperatura del latte non può superare, per legge, i 4°. 

RACCOLTA E TRASPORTO. Il camion cisterna fa il giro delle varie stalle per raccogliere il latte appena munto e portarlo alla centrale del latte. Le cisterne conservano bassa la temperatura durante il trasporto ed evitano che il latte entri a contatto con l’aria esterna.

ANALISIDalla cisterna vengono prelevati alcuni campioni di latte per effettuare le analisi necessarie e controllare che il latte sia sano e genuino.

PASTORIZZAZIONE O STERILIZZAZIONE U.H.T.  Per eliminare tutti i microbi cattivi si riscalda il latte: in pochi secondi viene scaldato  a e poi raffreddato di nuovo. I microbi non resistono a questo brusco riscaldamento e il risultato è un latte più sano. 

CONFEZIONAMENTO. Il latte viene diviso in base alla sua qualità e a che cosa si deve farne. Poi viene confezionato grazie a moderni macchinari nelle confezioni di carta o imbottigliato. Oppure viene lavorato per ricavarne panna, burro, formaggi freschi, stagionati o yogurt. 

DISTRIBUZIONE. Ogni giorno, il camion della centrale porta il latte nei supermercati e nei negozi. 


VENDITA. Qui può essere venduto ed acquistato.

CONSUMO.  Alla fine arriva a casa nostra, per essere bevuto e gustato da tutti noi.


Metto a disposizione i nostri disegni e le nostre didascalie, nelle diverse versioni che abbiamo utilizzato: minuscolo, maiuscolo e solo didascalie.

Il ciclo del latte - Disegni da colorare. Con didascalie

Il ciclo del latte - Disegni da colorare. Con didascalie in stampatello maiuscolo

Il ciclo del latte. Didascalie su fogli bianchi, per far disegnare i bambini


Per Margherita, classe IV, ho preparato anche un testo più dettagliato, da studiare:




Infine, vi segnalo un video molto carino, che spiega molto chiaramente il latte ed il suo ciclo produttivo:
http://www.lattesole.it/ciclo/sole-per-le-scuole/il-ciclo-del-latte.html

4 commenti:

  1. Bel lavoro come al solito, anche Leo ha munto una mucca e visto nascere un vittello sono per loro esperienze importanti ......
    L'educazione è soprattutto esperienza di vita vera e la scuola tradizionale a volte è povera di questa bellissima parte.
    Buona giornata di coccole e scuola Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Chiara!
      Ovviamente, condivido in pieno ciò che hai scritto...!

      Elimina
  2. Ciao Elly, mi sei di grande ispirazione, sai?
    Appenna ho un momento vorrei scriverti con calma perché sto valutando la scuola elementare per la mia seconda bimba: vorrei trovare una scuola che la conquisti, che rafforzi il suo entusiasmo e la sua curiosità e che non la incanali, invece, nel vortice del dover fare-fare-fare e correre-correre-correre che stiamo sperimentando con la prima figlia. E sai cosa ti dico? Che devo iscriverla a gennaio e non me lo dice il cuore. Perché una scuola così non l'ho mica ancora trovata. Poi vedo i tuoi disegni, le tue attività e so esattamente cosa vorrei... Buon pomeriggio e a prestissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Veronica, come ti capisco!
      Anch'io mi sto crucciando sull'opportunità di continuare o meno, sia per l'anno prossimo - con in più Giovanni in prima - che per gli anni a venire. Tutti i cambiamenti degli ultimi mesi hanno reso più difficile il nostro percorso, soprattutto a livello organizzativo. Ma ci piace così tanto ciò che facciamo, e farlo insieme, che per noi questo non ha prezzo. In particolare, la libertà e la "fluidità" dell'home-schooling sono un'immensa risorsa, così come un insegnamento mirato a valorizzare i talenti di ognuno, in un percorso mirato ed individualizzato. Scrivimi pure, sarò lieta di rispondere a dubbi, incertezze e curiosità!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...