sabato 7 settembre 2013

Cargo bike!

Da qualche settimana uno strano veicolo si aggira per le strade della nostra cittadina.
Non è un'astronave, nè una carrozza, nè una giostra... ma è, in fondo,un po' tutto questo insieme.
Si tratta di una cargo-bike.
Chissà se qualcuno di voi la conosce o ne ha mai sentito parlare... probabilmente sì, se avete viaggiato all'estero, soprattutto nei paesi del nord europa.
E' una bicicletta un po' speciale; anzi, per noi, molto speciale.
Una bici da carico, simile a quelle da gelataio, o ai carretti dei vari mestieri tipici del dopoguerra.
Un mezzo antico eppur modernissimo, perchè coniuga tradizione, praticità, ecologia ed originalità.
Tutte cose che a noi piacciono parecchio.
Perchè ci siamo attrezzati così?
Ecco, alcuni di voi (chi ci segue da più tempo), ricorderanno la nostra passione per la bicicletta, il nostro mezzo di trasporto preferito da sempre (ne avevo parlato tante altre volte, tra cui qui e qui).
In bicicletta abbiamo sempre portato a spasso i nostri bambini, anno dopo anno, sentendoci liberi, leggeri e meno ingombranti - in quanto famiglia numerosa - del nostro solito.
Da quando Papà Giorgio ci ha lasciati, però, anche questo aspetto così banale e futile della vita quotidiana aveva subito un brusco cambiamento. 
La vita di tutti noi, però, è fatta anche di banalità e di routines. Di quelle piccole cose che ci danno un po' di serenità e ci fanno stare bene.
Nello specifico, al momento due delle bambine (Margherita e Mariangela) sanno andare in bicicletta senza più le rotelle e circolano su strada senza problemi, mentre Camilla, Giovanni e Tommaso hanno ancora bisogno di essere caricati.
Ovviamente, una mamma da sola non può caricare tre bambini su una bicicletta normale.
Allora, per un paio di mesi mi sono data un gran daffare cercando e ricercando una soluzione (ci doveva pur essere!) che facesse al caso nostro.
Ed ho scoperto che in tanti paesi del mondo più sensibili dell'Italia al rispetto dell'ambiente e più "dediti" alle famiglie numerose, le cargo-bikes sono una realtà molto diffusa.
Ce ne sono di tanti tipi e modelli: a due o tre ruote, ma tutte quelle ideate per la famiglia (ci sono anche quelle per le merci e quelle per i cani) nascono predisposte con un "cassone" con panchette su cui far sedere comodamente da due a quattro bambini. 
Ecco quello che faceva al caso nostro!
Così, tra "googlate" notturne, ordini, contrordini, prove, controprove, ripensamenti e castelli in aria vari, a metà del mese di agosto la nostra cargo-bike è arrivata.
Bella, colorata, divertente e davvero maneggevole! Ne siamo tutti così entusiasti che, con i bimbi, abbiamo subito indetto un mini-concorso per sceglierle un nome! Alla fine, per il suo colore, è stata chiamata "Celeste".
Ora usciamo di nuovo tutti i giorni, su è giù per strade, stradine e vialetti ciclabili, con grande soddisfazione di tutti ed una certa curiosità dei passanti...








Celeste, come da nostro solito, è diventata anche uno spunto didattico: negli ultimi giorni i bimbi hanno voluto dedicarle i loro disegni, temi e pensierini....

MARIANGELA:

CAMILLA:

MARGHERITA:

Margherita
Giovanni

Del resto, i mezzi di trasporto insoliti ed extra-large fanno anche parte della storia della nostra famigliona.
Ecco qui un'immagine in pieno revival: era gennaio 2009 e noi, con quattro bimbi tra i 4 mesi ed i 3 anni e mezzo, uscivamo così: 
Quello era un passeggino fratellare, con attaccato un passeggino sidecar e, dietro, una maxi-pedana in legno per caricare in piedi la bimba più grande...

32 commenti:

  1. Ma che simpatica soluzione,hai fatto proprio bene.Abbiamo incontrato soluzioni simili perche' abbiamo una bimba di otto anni,la secondogenita,che non e' in grado di andare in bici e' " speciale" o medicalmente disabile tra le difficolta' che ha non ha equilibrio ne mobilita' suff. per usare una bici e per ora usiamo ancora un seggiolino anche se inizia ad essere molto piccolo mi hai dato una buona idea ci rimetteremo alla ricerca. Veramente complimenti mi piace molto il tuo affrontare i problemi cercando e ricercando la soluzione e' una qualita' al giorno d'oggi poco usata.buona biciclettata Beatrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beatrice, anch'io ho optato per questa soluzione sia per l'immediato che in prospettiva, dato che non sappiamo se, quando e come anche la mia seconda bimba riuscirà a togliere le rotelle.
      Tra l'altro, 8 anni sono proprio l'età-limite oltre la quale - da Codice della strada - i bimbi non potrebbero essere più caricati su una bici normale.
      Sul resto... grazie tante!

      Elimina
  2. Ciao Mamma Elly,
    siete davvero belli sul cargo bike!
    Concordo con Beatrice quando parla del tuo affrontare i problemi. Vorrei avere la metà dell'energia e della buona volontà che hai tu!
    Un abbraccio a tutti ciclisti, piccoli e grandi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Catia, come sempre ti devo ringraziare.
      Energia e buona volontà abbondano, in compenso, però, ad un temperamento spesso eccessivamente cocciuto e a qualche intemperanza di troppo...

      Elimina
  3. Sei una mamma speciale davvero.
    Ogni volta che passo di qui mi sento piccola,piccola
    io che vado in crisi con un figlio solo,
    io che a volte mi sento come uno scalatore degli ottomila.
    Un grande abbraccio Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Macchè piccola piccola!
      La vita di tutti noi è una scalata... ognuno è in grado di affrontare meglio alcune salite, per poi perdersi a quella successiva. L'importante è andare avanti e cercare sempre le soluzioni e le risorse per farlo!

      Elimina
  4. Bellissima Celeste e naturalmente anche i vari occupanti, alla fine è passato anche agosto e non abbiamo fatto la merenda assieme....troveremo altre occasioni... intanto buona biciclettata e mi sa che devo anche dirti buon inizio anno!!!!
    P.S. Sei meravigliosa lo sai vero e con te i tuoi bimbi!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adele, parlavamo di voi proprio l'altro giorno... Mariangela ha accorciato i capelli e abbiamo pensato che a Luca non sarebbe più piaciuto arricciarglieli!
      P. S. Grazie!!!

      Elimina
  5. Una soffiata su dove trovarla, me la daresti? :)
    P.s.: sei veramente eccezionale. Veramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, Pippi!
      Noi l'abbiamo acquistata qui: http://zona30.com/
      E'un posto speciale fatto col cuore e tanta passione.
      La loro filosofia sulla "mobilità dolce" ed un mondo a misura di persone (a partire dalla strada) mi è piaciuta moltissimo perchè, in fondo, anch'io mi sento "dolcemente alternativa"...

      Elimina
  6. Volevate stupirci con effetti speciali? Ci siete riusciti! Mitici bimbifeliciacasa e supermammaElly! Mammasimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effetti speciali?
      Un po'... ma non tanto per stupire... è che io sono proprio così, pazzerella e testona!

      Elimina
    2. Diciamo che a Cagliari stentiamo a far decollare le piste ciclabili! Mammasimo

      Elimina
    3. Eh... questo è certamente un problema! Un po' in tutta Italia, purtroppo, c'è assai poca sensibilità per ciclisti e pedoni!
      Noi, però, abitiamo vicino a Ferrara, città delle biciclette per eccellenza! Quindi, qui, è proprio un mezzo abituale e davvero per tutti!

      Elimina
  7. Che bello.ci eravamo proprio chiesti come facevate con le bici.che bella libertà!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, voi siete proprio tra i nostri "aficionados" storici.... Grazie!

      Elimina
  8. Ti ho sempre ammirata ed ora ancora di più, sei veramente unica e speciale!
    Siete favolosi con la vostra bellissima cargo bike... buone pedalate.
    Baciotti ai bimbi ed un mega abbraccio a te
    nonnAnna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, dolcissima NonnAnna! Ammirazione e stima reciproche, lo sai...

      Elimina
  9. Bellissima!!
    anche noi presto compreremo una cargo bike, ci stiamo pensando da mesi e per ora aspettiamo solo il momento più propizio...
    Bellissimo il tema di Margherita, che progressi, come scrive bene!
    Brava, bravissima, bravi tutti!
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai forse omesso che le bici da carico hanno la pedalata assistita, o la vostra non la ha?
      io credo sia un utile particolare: con un grosso peso da portare si è facilitati!
      ciao

      Elimina
    2. No no, l'ho comprata senza pedalata assistita!
      Il peso c'è, ma non ho sentito la necessità di altro oltre al cambio-marce.
      Abitando in piano, anche la partenza è fattibilissima!
      Che bello, tra poco anche voi in cargo!
      Grazie di tutto e buona serata!

      Elimina
  10. Cara Elly sei veramente un vulcano di idee.... che bello vedere i tuoi piccoli tutti sulla cargo bike.. La prossima settimana per i miei figli ricomincia la scuola... si ritorna al grande caos, purtroppo. L'unica novità è che il piccolino non starà più dalla nonna ma andrà anche lui a scuola... speriamo bene... E tu alla fine come ti sei organizzata? Riprenderai a lavorare? Un abbraccio... Rossella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, riprenderò il 4 novembre. Mi sono tenuta tutto il tempo possibile per seguire al meglio i bambini in questo delicatissimo momento.
      Farò un part-time pomeridiano, riservando all'attività didattica circa tre ore, la mattina. Poi tornerò in tempo per i vari sport, una passeggiata, un acquerello, qualche lettura o un po' di ripasso orale.
      Per quest'anno mi è sembrata la soluzione migliore, poi si vedrà.
      Buon inizio a voi e grazie per il tuo interessamento!

      Elimina
  11. Ma che bella la "nuova arrivata" in famiglia :-)
    Ammitor molto questo tuto spirito di adattamento, sei speciale!
    Un bacione

    RispondiElimina
  12. Ciao Mamma Elly...ti seguo da tanto tanto. Stiamo per intraprendere un percorso di scuola familiare con il nostro bimbo di 5 anni. Mio figlio finora è stato a casa con noi e quindi in fondo siamo Hs da un pò.
    Dal tuo sito prendiamo sempre tante idee e spunti didattici e non. Intervengo pochissimo ma apprezzo quanto da te fatto. Mi piace il tuo modo di insegnare e mi ritrovo in molte cose che fai.
    Oggi avrei una richiesta: stiamo da poco iniziando a scrivere le lettere, giocare con l'alfabeto, ma non sono maestra e la paura di sbagliare è tanta.
    Ci spieghi come hai affrontato con i bimbi l'alfabeto e la scrittura. Schede, idee, metodi....insomma quanto necessario per iniziare in serenità questo percorso.
    grazie mille
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Mari, piacere di conoscerti!
      Ti ringrazio tanto per le tue parole e, soprattutto, per la tua fiducia.
      Se hai un po' di tempo a disposizione, entro un mesetto dovrei riuscire a pubblicare un bel po' di materiale didattico relativo agli anni scolastici per noi appena conclusi, la 1a e la 3a. Ho tante cose arretrate da proporre qui, ma il nuovo "schiaccia" sempre un po' il vecchio.
      Se avete più fretta, puoi contattarmi in privato: vedrò di girarti un po' di informazioni in più.
      Per quanto riguarda il metodo, ne ho parlato in questo post:
      http://bimbifeliciacasa.blogspot.it/2011/09/alla-scoperta-dellalfabeto.html

      Ed in questo. Qui mi riferivo in particolare alle difficoltà di Camilla ma, come approccio alla letto-scrittura, le sillabe e le letterine magnetiche sono valide e gradite a tutti i bimbi.
      http://bimbifeliciacasa.blogspot.it/2012/11/disprassia-e-home-schooling.html

      Poi, facendo scuola in casa (come in effetti già fate) capirete qual è la via migliore per il singolo bambino, al di là di teorie e metodologie preconfezionate.

      Elimina
  13. Cara Elly, scopro ora il vostro blog e lo trovo bellissimo! siete davvero fantastici e tornerò a trovarvi;-)) io sono mamma di un bimbo di tre anni che ha appena cominciato la scuola materna. La vostra idea di home-schooling mi piace e non ne conoscevo l'esistenza! ho scelto di mandarlo all'asilo principalmente per farlo stare con gli altri bambini, ma adoro fare tante cose con lui quando è a casa con me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta, Francesca!
      Ho appena ricambiato la visita... che bell'atmosfera si respira da te!
      Grazie per le tue parole: mi piace tanto sapere di potermi confrontare serenamente anche con chi fa scelte diverse dalla nostra!

      Elimina
  14. Ahhhhh..ora lo so ...tu sei il pozzo di San patrizio!!.....o forse tu hai comprato la borsa di Mery Poppins!!!
    Sei veramente " un'anima grande", piena di risorse, di inziativa, di idee propositive.....Posso scrivere al ministero e richiederti come collega full-time??
    :-) :-) :-)
    Questa cargo-bike è un'idea veramente carina, pratica e divertente.
    POi avete scelto un colore e un nome proprio bello: "CELESTE"...un colore che distende, che sprigionare serenità!
    Vi auguro tante serene biciclettate e passeggiate insieme A Celeste!!
    Ciao ciao
    Mariuccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mariuccia!!!
      Lo sai che con una collega come te lavorare sarebbe un immenso piacere, oltre che un grande onore?!?!?!!!
      Grazie di cuore!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...