lunedì 2 ottobre 2017

Papa Francesco a Bologna: c'eravamo anche noi


Ieri, domenica 1 ottobre 2017, il Santo Padre ha fatto visita a Cesena e poi a Bologna, nella nostra diocesi.
Una giornata densissima di impegni, un programma di testimonianza e pastorale che si è concluso con la Santa Messa allo stadio Dall'Ara.

Noi, con la nostra parrocchia e la nonna, eravamo tra i 44.000 fedeli che hanno potuto partecipare alla celebrazione.
Con i bambini eravamo già stati, 5 anni fa, alla presenza di Papa Benedetto XVI: fu un'emozione grandissima, ancora insieme a PapàGiorgio, poco dopo il terremoto del'Emilia Romagna.
Questa volta, tutto è stato diverso per organizzazione e modalità, ma devo dire che l'emozione è sempre, per tutti, immensa e travolgente.
Vi raccontiamo com'è andata.
Siamo partiti in pullman (sotto la pioggia) alle 13 e arrivati a Bologna circa un'ora dopo;

Abbiamo poi percorso circa 1,5 km a piedi, poi, arrivati allo stadio, abbiamo impiegato un bel po' per entrare, date le elevate misure di sicurezza predisposte per l'evento.
Una volta entrati allo stadio, abbiamo poi dovuto aspettare, come da programma, circa due ore prima dell'inizio della Santa Messa.
Devo dire che ero un po' preoccupata per questi lunghi tempi per i bambini: soprattutto Tommaso e Camilla, in generale fanno fatica a pazientare nell'attesa di qualcosa.
Ci eravamo organizzati con qualche giocattolino, riviste di enigmistica, album da colorare, oltre a cibo e acqua per la merenda. 

Contrariamente ai miei timori, i bimbi sono stati bravissimi: l'importanza della motivazione per cui eravamo lì, ma anche l'organizzazione impeccabile, gli spazi aperti, il clima fresco hanno reso l'attesa più che accettabile. Anche il vedere tanta gente e tanta organizzazione intorno a loro ha sicuramente contribuito a far passare il tempo: poliziotti, militari, elicotteri, scout, migliaia di volontari... e poi, i campanari bolognesi, giornalisti, tv e cameramen... giovani volontari che distribuivano bandierine e davano informazioni... era tutto così nuovo e sorprendente! Anche prendere il pullman, camminare "in fiume" tra così tanta gente ed entrare per la prima volta in uno stadio sono state esperienze a loro modo eccitanti.
Bellissimo, in particolare, il clima di festa: una festa immensa ma ordinata, gioiosa ma pacata.

Poi... dopo ole e folla esultante, a tutti sono stati richiesti silenzio, compostezza e concentrazione.
Poco prima dell'arrivo del Papa, è stata portata sull'altare l'immagine della Madonna di San Luca, così cara ai bolognesi.
++
Finalmente, abbiamo capito che fosse arrivato Lui, Papa Francesco.
Gioia, emozione, commozione... Il Papa a pochi metri da noi!
Eravamo sul prato dello stadio (pavimentato per l'occasione) e dalla nostra posizione, seppur lontano, Lo vedevamo proprio bene!



La celebrazione ha portato tanta gente prima urlante al silenzio, all'ascolto della Parola, ad un voler vedere, partecipare, ma soprattutto, ascoltare.
Le 3 "P" dell'omelia del Papa, "Parola, Pane e Poveri" credo abbiano inciso profondamente e siano entrati nel cuore d tutti noi.
Durante la Messa, ha ricominciato a piovere: tra ombrelli, impermeabili e acqua  addosso, nessuno si è mosso dai propri posti, ma tutto è proseguito con ordine e partecipazione.
I miei bimbi, sotto cappucci ed ombrelli, non vedevano più il Papa... anche noi grandi potevamo si è no intravederlo tra tutti gli ombrelli aperti... ma i megascreen ed i microfoni hanno supplito al resto.
(Della pioggia vera e propria non ho foto... non era proprio possibile).

Poi, al momento della Consacrazione e della Comunione, la pioggia si è fermata... Per poi riprendere, a tratti, ma più leggera e discreta.
Tra i momenti più emozionanti, almeno per me, la benedizione del Santo Padre.
Terminata la celebrazione, ancora grida esultanti per Papa Francesco e il dono del Vangelo per tutti i presenti.

Per noi, ancora 2 km a piedi per ritrovare il pullman e il rientro a casa verso le 21, ancora un po' bagnati, davvero stanchi ma felici e consci di aver fatto parte di qualcosa di grande.   

Una delle nostre bandierine, ormai malconcia a causa dell'uso e della pioggia, ma ricordo prezioso di questa giornata


1 commento:

  1. Che meraviglia! Pensare che dovevamo esserci anche noi....avrei tanto voluto ascoltare le parole del Santo Padre!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...