venerdì 25 novembre 2016

I libri di Margherita: Orgoglio e pregiudizio


Oggi vi parlo di un grandissimo classico della letteratura inglese.

ORGOGLIO E PREGIUDIZIO

DATI EDITORIALI
Titolo:  Orgoglio e Pregiudizio
Autore: Jane Austen
Casa Editrice: Biblioteca Ideale Giunti
Numero di pagine: 280

GENERE DEL LIBRO
Romanzo.

LUOGHI DELLA STORIA
Inghilterra, Hertfordshire. Longbourn, Netherfield, Londra, Derbyshire, Pemberley.

TEMPO DELLA STORIA
Indefinito.

PERSONAGGI PRINCIPALI
Elisabeth, Jane, il signor Darcy, il signore e la  signora Bennet, il signor Bingley, Mary, Lydia, Catherine, George Wickham, Caroline Bingley, Louisa Hurst, Georgiana Darcy, Lady Catherine de Bourgh, il signor Collins, i signori Gardiner, Charlotte Lucas Collins e altri personaggi minori.

TRAMA
Elisabeth Bennet, detta affettuosamente Lizzie, è un’intelligente e brillante ventenne che abita in Inghilterra, nel Hertfordshire, a Longbourn.
Lizzie vive con la madre, il padre, la bellissima sorella maggiore Jane e tre sorelle minori, Mary, intellettuale e soporifera, Catherine, detta Kitty, succube di Lydia, un’esuberante quindicenne.
La signora Bennet, madre delle ragazze, è una donna stupida e invadente che ha come unico scopo il veder felicemente sposate tutte le proprie figlie.
Un giorno arriva nell’Hertfordshire un uomo ricchissimo, di nome Charles Bingley, che si trasferisce a Netherfield.
La signora Bennet va subito a conoscerlo e, quando il signor Bingley organizza un ballo, loro sono le prime ad andarci.
Il signor Bingley ha portato con sé le due sorelle, Caroline e la signora Hurst, e un
caro amico, il signor Darcy.      
Quest’ultimo, seppure di aspetto bellissimo, si rende antipatico a tutti, al ballo, risultando maleducato, arrogante, orgoglioso e altero e offende Lizzie svilendo la sua bellezza.
Lizzie si offende e da quel giorno lo considera un uomo antipatico e orgoglioso.
Darcy, dal conto suo, all’inizio la considera indegna della propria attenzione, poi, osservandola, scopre che è una bella ragazza, piena di spirito, eleganza e buonumore e fa di tutto perché lei lo noti, ma il pregiudizio di Lizzie nei confronti di Darcy è troppo forte per cedere così presto.
Intanto il signor Bingley, le cui maniere sono al contrario impeccabili, e Jane, la maggiore delle signorine Bennet, si innamorano e stanno sempre insieme, finchè lui non deve partire improvvisamente per Londra, senza intenzione di tornare.
Jane è molto angustiata ma il suo ottimismo la fa sperare per il meglio.
Lizzie, invece, crede che dietro quella partenza improvvisa ci sia lo zampino delle sorelle di Bingley, le quali non volevano imparentarsi con gente più povera di loro.
Nel frattempo, però, arriva a Longbourn il signor Collins, un loro cugino che, dato che nella famiglia Bennet non ci sono figli maschi, erediterà la tenuta.
Il signor Collins è un pastore anglicano ai servizi di Lady Catherine de Bourgh ed è un uomo cerimonioso, stupido e dalle maniere noiose ed affettate.
Egli, però, si mette a fare la corte a Elisabeth, cosa che culmina in una proposta di matrimonio.
Lizzie rifiuta categoricamente e il signor Collins, deciso a trovare moglie, chiede in sposa Charlotte Lucas, la più cara amica di Lizzie, la quale accetta volentieri, dato che il signor Collins è molto ricco.
Intanto è arrivata in un paese vicino la milizia e le due sorelle minore, Kitty e Lydia, pensano soltanto agli ufficiali.
Fra loro c’è anche George Wickham, un ufficiale molto bello e gentile.
Egli racconta ad Elisabeth che il signor Darcy gli ha tolto tutto quello che aveva, lasciandolo molto povero.
Lizzie gli crede e da quel momento l’odio nei confronti di Darcy raddoppia.
Eppure, può un animo nobile nascondersi sotto la più orgogliosa delle scorze?
E si possono sfidare i pregiudizi reciproci, davanti all’amore incondizionato?
Pieno di colpi di scena, finale ben nascosto da strati di avvenimenti inattesi, tutto potrebbe concludersi in maniera inaspettata…

COMMENTO PERSONALE
Questo libro mi è piaciuto moltissimo!
E’ assolutamente uno dei miei libri preferiti.
Avevo già provato a leggerlo, ma non mi era piaciuto, poi la mia migliore amica ha detto che lo stava leggendo e che le piaceva e io ho riprovato: questa volta l’ho trovato incantevole!
Mi piace molto, come personaggio, il signor Darcy, così bello e con una spiccata personalità.
Anche Elisabeth è un personaggio meraviglioso, una bella ragazza, carismatica, simpatica e sbrigativa.
All’inizio non si capisce assolutamente come andrà a finire la storia e questo confonde, ma è il bello di questo romanzo.
L’autrice gira intorno alla conclusione con molti fatti che fanno presagire il peggio, ma alla fine raggiunge il classico lieto fine.
Un romanzo bellissimo, una romantica e complicata storia d’amore scritta da una delle più famose autrici inglesi.
Eppure, anche se dalla trama può sembrare il solito romanzo d’amore scontato, è una storia profonda e di un certo spessore, un’ispezione accurata dell’animo umano e delle sue emozioni, un romanzo sui pregiudizi, che in realtà non sono altro che scudi dietro cui nascondersi.
Anche il titolo, una volta letto il romanzo, assume un suo significato: l’Orgoglio è quello di Mr. Darcy e il Pregiudizio è quello di Elizabeth nei confronti del primo.
Assolutamente consigliato!

 


Con questo post partecipo al  "Venerdì del libro" di "HomeMadeMamma".

4 commenti:

  1. Vara Margherita, questo libro è anche uno dei miei preferiti.
    Mi stupisco sempre più di come riesci ad esprimere su carta ciò che senti è un dono meraviglioso che stai sviluppando. Complimenti a te e alla tua mamma che ti stimola sempre nelle tue doti, lo scrivere ma anche nel disegno sei bravissima.
    Un abbraccio BeaElla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero!
      Mi fa molto piacere il tuo commento, perchè in fondo ascoltare le proprie emozioni e poi tradurle in parole per fissarle su carta è quanto di meglio possa sperare una persona che come me vorrebbe fare la scrittrice.
      Grazie ancora! :)

      Margherita

      Elimina
  2. Oh, è un libro speciale. Quante volte o letto e riletto da ragazza, prima in russo, poi in italiano (il primo libro letto in italiano). Ultimamente ogni tanto rivedo L'adattamento cinematografico del 1995 del BBC.
    Complimenti a Margherita per la lettura così "voluminosa" e complessa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GRAZIE!
      E' vero, è molto complesso come romanzo, però comunque la storia è così avvincente che nonostante la complessità della trama, si divora. :)
      Wow, come primo libro in lingua straniera è complicato.
      Ancora grazie per il tuo commento, mi ha fatto molto piacere.

      Margherita

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...