giovedì 8 ottobre 2015

I libri di Margherita: Il paradiso dei gatti

Per restare in tema-gatti, oggi vi parlo di un racconto di Emile Zola che ho letto proprio un paio di giorni fa...
IL PARADISO DEI GATTI

DATI EDITORIALI
Titolo:  Il paradiso dei gatti
Autore: Emile Zola
Casa Editrice: Faligi Editore
Numero di pagine: 13
GENERE DEL LIBRO
Racconto

LUOGHI DELLA STORIA
Casa, tetti, strada

TEMPO DELLA STORIA
Circa un giorno

PERSONAGGI PRINCIPALI
Gatto d’Angora, gatto saggio, padrona

TRAMA
Il racconto narra di un grasso e viziato gatto d’Angora che vive in una bella casa con la sua dolce padrona.
Esso, però, nella sua ingenuità, disprezza gli agi e le comodità, il suo soffice cuscino  e la carne succulenta, il latte zuccherato e le carezze della sua amabile padrona e sogna invece una vita selvaggia sui tetti al di là della finestra che la sua padrona chiude sempre con meticolosa puntualità.
Così, un giorno, trovata aperta la finestra, balza fuori.
All’inizio tutto gli sembra nuovo e meraviglioso, il fango come soffice velluto, il sole come una calda coperta ma poi, dopo aver incontrato una banda di gatti randagi, comincia ad avere fame, sete, freddo e sonno e capisce che ormai la succulenta carne delle case umane non gli appartiene più.
Lentamente subentra la disperazione e ripensa con nostalgia alla carne fresca e al letto caldo.
Nella notte è costretto a cercare da mangiare nella spazzatura, ma invano.
È allora che un gatto saggio gli propone di ritornare a casa sua, perché ne conosce bene la strada e lui accetta con piacere.
Alla sua proposta di vivere con lui fra gli agi e le leccornie, il saggio risponde sdegnoso che la casa ed i cuscini sono fatti solo per gli stolti, detto questo se ne va.
Giunto a casa, la padrona infligge al gatto d’Angora una severa punizione, che però accoglie a zampe aperte, ben sapendo di meritarsela.
Per lui il paradiso dei gatti è quello, con la carne, il latte e le coccole.

COMMENTO PERSONALE
Questo racconto mi è piaciuto abbastanza.
L’ho trovato molto realistico e ben scritto.
Per di più io adoro i gatti e trovo che l’Angora sia una bella razza felina.
L’autore ha reso molto bene l’ingenuità del gatto di razza, grasso e viziato. 

Con questo post partecipo al "Venerdì del libro" di "HomeMadeMamma".

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...