giovedì 30 ottobre 2014

Maxi mosaico-collage d'autunno

Come ormai sapete, ogni anno ci piace festeggiare il ciclo delle stagioni con un cartellone che rappresenti un colorato viaggio lungo l'anno solare ed i suoi cambiamenti. 
Quest'anno abbiamo pensato di utilizzare la tecnica del collage unita a quella del mosaico, con un'attenzione particolare alla terra ed ai suoi prodotti stagionali.
Oggi vi mostro il nostro nuovo cartellone dell'autunno, realizzato tutti insieme sera dopo sera. 
Come forse avete già potuto intuire, il tema di questo nostro autunno sono zucche e foglie.
Così, il nostro punto di partenza sono state le forme già fustellate in abbondanza per decorazioni autunnali di carta. Ad esse abbiamo unito tantissimi quadratini di carta, nelle diverse sfumature del marrone e dell grigio, che i bambini hanno ritagliato con impegno e pazienza.

Abbiamo poi ritagliato sei fogli di plastica adesiva ad effetto legno, sul cui retro ognuno di noi ha disegnato un albero spoglio, con tronco e rami.

Dopo essere stati ritagliati, i nostri alberi sono stati incollati sulla parte alta di un foglio di carta bianca per pacchi (misura 100  x 150 cm), pronti per essere decorati con tante foglioline di carta colorata.

Pensando alla campagna ed alla terra in autunno, abbiamo poi pensato di inserire nel nostro cartellone un elemento tanto caro a Tommaso: un trattore nel pieno dei lavori per preparare la terra in vista del grande freddo.
Il trattore è stato colorato spalandovi sopra tanti pezzettini di Pongo: un lavoretto perfetto per allenare la precisione e la motricità fine.

Sul campo sono poi state incollate tantissime zucche arancioni di carta, cartoncino e gomma crepla.

A questo punto è venuta la parte più impegnativa dell'opera: riempire a  mosaico tutti gli spazi bianchi del nostro cartellone: grigio chiaro e più scuro per il cielo e marrone in varie tonalità alternate per la terra, per un effetto smosso tipico della terra arata.
Strada facendo, ci è venuta poi l'idea di aggiungere al nostro cartellone prima un bimbo, poi una bimba...

... ma perchè non cinque bambini?
"Sì, dai, rappresentiamo noi cinque!".
Così, prendendo spunto dai nostri cartelloni tattili di due anni fa, abbiamo realizzato cinque bimbi.
Se allora usammo disegni fotocopiati da vestire nelle varie stagioni, questa volta ogni parte del corpo, del viso e del vestiario è stata realizzata con forme di carta fustellate o ritagliate: un cerchio per la testa. rettangoli per busto, gambe e braccia, trapezi per le gonne, ecc: ogni bambino ha realizzato se stesso con passione e fantasia. 
Margherita

Camilla
Mariangela

Giovanni
Tommaso
Forma dopo forma, dettaglio dopo dettaglio e, soprattutto, quadrettino dopo quadrettino, il nostro mosaico è stato finalmente completato. 






lunedì 27 ottobre 2014

Decorazioni autunnali: zucche e foglie di carta

Da oggi dedicherò una serie di post all'autunno: decorazioni, lavoretti, dipinti, spunti didattici, attività in cucina derivati dall'osservazione attenta della natura e dal contatto con i tanti elementi di questa magica stagione.
Inizio col mostrarvi le decorazioni per la nostra porta di casa, che diventeranno, poi, anche le copertine delle sezioni autunnali dei quaderni dei bambini. 
Aiutandoci con alcune fustelle della Big Shot, abbiamo preparato tante zucche arancioni e tantissime foglie multicolori, tutto di diverse dimensioni.
A questo punto, i bimbi hanno dato spazio alla fantasia incollando le loro forme preferite sul proprio foglio bianco e trasformando alcune di esse in simpatici personaggi con occhi (piccole etichettine bianche circolari), naso, bocca, braccia, gambe...

Eccoli qua!





La scritta è ststampata da: lavoretticreativi.com, elaborata e colorata da noi

giovedì 23 ottobre 2014

Un pomeriggio tra i dinosauri


Concludo l'argomento-dinosauri come lo abbiamo coronato noi: dopo la festa, anche con una gitarella.
Un pomeriggio alle Vallette di Ostellato, un'oasi naturalistica tra terra ed acqua in provincia di Ferrara.

Qui, dallo scorso mese di agosto, è aperta un'interessante esposizione intitolataDAI DINOSAURI AI GIGANTI DELL'ERA GLACIALE. 
Sul loro sito si legge: "le riproduzioni dei giganteschi dinosauri dominatori dell’Era Mesozoica e di molte altre creature preistoriche, come i possenti mammiferi dell’era glaciale. Il percorso sarà inserito nel suggestivo ambiente delle valli per vivere un appassionante viaggio nella Preistoria." 
Delle ricostruzioni così ben fatte da far prorogare la data di chiusura per ben due volte: attualmente l'ESPOSIZIONE è PROROGATA FINO AL 26 OTTOBRE.
Quindi, chi volesse, può fare ancora in tempo ad andare in questo fine settimana.
Noi ci siamo andati un mesetto fa insieme a nostri cari amici e ci è piaciuto davvero tanto.
La visita è stato resa ancor più interessante e coinvolgente dalle spiegazioni di uno degli artisti che hanno realizzato le ricostruzioni il quale, lavorando con una  equipe di paleontologi ed essendo molto competente, ha esposto tutto con semplicità, chiarezza e dovizia di particolari, rispondendo con pazienza anche alle millemila domande dei bimbi presenti.
Ora, vi mostro i nostri scatti.
I dinosauri

Il T-rex

Ed i "giganti dell'Era Glaciale"

Ai bambini è piaciuto molto vedere, poter accarezzare ed esplorare queste ricostruzioni a grandezza naturale e sono stati tutti molto attenti alle spiegazioni.

Alla fine, c'è stata anche la possibilità di un piccolo corso di disegno di dinosauri tenuto dell'artista...
Ovviamente, Giovanni e sorelle hanno partecipato con entusiasmo!


Ed anche Tommaso...

sabato 18 ottobre 2014

Festa a tema: dinosauri

Come vi ho anticipato, in occasione del suo sesto compleanno, Giovanni ha richiesto una "Festa dinosauri". 
Come sempre, io ed i bambini abbiamo unito forze ed idee per realizzare diverse decorazioni per la sala della festa, per la tavola e per un buffet il più possibile vario ed aderente al tema della festa.
Anche questa volta il festeggiato è stato il maggior artefice delle decorazioni. 
Ecco che cosa abbiamo preparato. 

Ve ne abbiamo già parlato diffusamente: un bel lavoro di gruppo portato avanti nella settimana precedente la festa.


2 - Il cartellone
Come da nostra tradizione, Giovanni ha realizzato un grande cartellone (1,40 per 1 metro) per decorare una parete della nostra sala. Esso rappresentava una scena di lotta tra dinosauri, tratta dal film: "Alla ricerca della Valle Incantata", questa:

Qui sotto, i lavori in corso: disegno a matita, colorazione con acrilici ed acquerelli, rifinitura a pennarello...

Ed ecco qua!


3 - Dinosauri e palloncini festoni
Per decorare il soffitto, abbiamo pensato di appendere a tanti fili delle sagome di dinosauri in cartoncino colorato, che abbiamo rifinito accentuando alcuni dettagli (in particolari occhi e bocca) e poi ritagliato.



A queste  sagome ne abbiamo alternate altre snodabili, realizzate utilizzando i bei campioni di Tempo Libero.
Così, una volta terminata la festa, i bambini avrebbero avuto ciascuno un coloratissimo e divertente dinosauro  con cui giocare!
Al filo con appesi i dinosauri ne è stato incrociato un secondo riempito con tanti palloncini verdini, per un effetto più pieno e "festoso"!


4 - La porta
Anche la porta di casa è stata decorata con una sagoma di T-rex, unitamente al mini-cartello di segnalazione-festa.

5 - La tovaglia ed i dino-toppers
Abbiamo scelto una tovaglia verdina, che abbiamo decorato con tante sagome di dinosauro stampate.
La particolarità dell'allestimento della tavola, e quindi della tovaglia nella collocazione delle immagini dei diversi dinosauri, è stata la suddivisione in due settori: ERBIVORI E CARNIVORI, Questa idea è stata fatta nostra dopo averla vista in rete, in diversi blog americani che ci hanno ispirati...


Le stesse immagini sono state utilizzate anche per realizzare i dino-toppers che sarebbero andati a decorare i nostri panini.

Unico acquisto preconfezionato, i tovagliolini a tema, quelli che i bimbi avevano trovato nel baule della caccia al tesoro da archeologi.
Ed ora passiamo al rinfresco.

REPARTO CARNIVORI

6 - Panini per dinosauri carnivori
Ovverosia, panini con salame e mortadella. Un classico, vestito con i nostri toppers con T-rex e velociraptor.

REPARTO ERBIVORI

7 - Panini per dinosauri erbivori
Cioè, panini in due versioni: 
-pomodoro, mozzarella e insalata; 
-formaggio e maionese

8 - Mozzarelline fritte
Una ghiottoneria molto gradita al festeggiato, servita su tovagliolini a tema.


Sempre nella sezione erbivori, anche le preparazioni dolci.

9 - I dino-biscotti 
I nostri biscotti di pasta frolla sagomati con stampini a forma di dinosauro.

Molti dei biscotti sono stati decorati dai bambini con pasta di zucchero, così da trasformarsi in simpatici e coloratissimi dinosauri!


Per i triceratopi, ho usato uno stampino da rinoceronte unito ad un cerchio dentellato.

10 - I dino-cupcakes
Con la stessa pasta di zucchero in vari colori, abbiamo riempito uno stampo in silicone -originariamente per cioccolatini -  a forma di mini-dinosauri.
Un po' di tempo perchè la pdz indurisca (o, come nel nostro caso, una passatina in congelatore) et voilà; mini dinosauri pronti per essere sformati!

Intanto, abbiamo preparato le basi per i nostri cupcakes e le farciture: una ganache al cioccolato ed una crema al mascarpone e panna montata! Due varianti di gusto, più la versione-base per dolcetti golosi da abbellire con i piccoli dinosauri in pdz! 





Un altro paio di immagini della nostra tavola...


11 - La torta T-rex
Ed eccoci alla regina di ogni festa, la torta!
Nel nostro caso, una base soffice farcita con uno strato di crema pasticcera, uno di Nutella e ricoperta da panna montata.
Per decorarla, ci siamo ispirati a questa immagine di tirannosauro, usata anche per la tovaglia ed i toppers:

Ho stampato l'immagine ed, appoggiandola alla pasta di zucchero stesa nei vari colori, ho iniziato a ritagliarne i contorni rifilandola con un coltellino appuntito.
In questo modo, partendo dalla testa, poi continuando con bocca, lingua, denti, occhi... siamo arrivati ad un dinosauro tridimensionale che, appoggiato su un disco di pasta di zucchero bianca, pareva davvero uscire dalla nostra torta!


 Ed ecco qui la torta finita! 



 Ed il soffio sulle 6 candeline!

Ecco, la mia parte è finita!
Prima di salutarvi, però, vi voglio mostrare i regali delle sorelle per Giovanni!
Un bigliettino con disegno a tema da parte d Camilla e Mariangela...



... ed un racconto inventato tutto per lui da Margherita!

Un coraggioso addestratore di dinosauri
C’era una volta un bambino di nome Giovanni.
Era un bambino molto bello e bravo, con due grandi occhi blu ed i capelli corti e castani.
Giovanni, da sempre, adorava i dinosauri e i travestimenti.
Un giorno, frugando nel suo armadio in cerca di qualcosa con cui giocare, in fondo in fondo, in un angolino buio buio e polveroso, trovò un vecchio cappello verde.
A Giovanni piacevano molto i cappelli, quindi, se lo mise in testa e a quel punto successe una cosa strana: si creò un enorme vortice, che, girando alla massima velocità, lo catapultò in un grandissimo prato.
Giovanni si alzò e davanti a sè vide un enorme animale dal  collo lungo: Giovanni non credeva ai propri occhi, era atterrato nell’era dei DINOSAURI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
 Ad un tratto sentì un tremendo ruggito e dalla foresta lì vicino sbucò un enorme tirannosauro rex alto almeno cinque metri e con una bocca piena di denti affilatissimi che, ruggendo e sbavando, ricorreva un branco di piccoli dinosauri.
Il tirannosauro però venne ferito a una zampa da un triceratopo,
allora ritornò nella sua tana a bocca asciutta.
Giovanni, che aveva osservato tutta la scena, corse immediatamente dal triceratopo per domandargli: “Chi era quello?”.
“Quello” rispose il triceratopo “era il gigantesco Tirannosaurus Rex che da tempo terrorizza la valle, ma nessuno è mai riuscito a sconfiggerlo”.
“Lo sconfiggerò io!’’ disse Giovanni e si inoltrò nella foresta in cerca della tana del tirannosauro.
Dopo ore di ricerca trovò  finalmente il covo del tirannosauro.
Il tirannosauro, nel vedere Giovanni avvicinarsi, iniziò a ruggire, ma Giovanni continuò ad andare avanti e ben presto i due iniziarono a combattere.
Dopo poco Giovanni stese il tirannosauro e gli chiese: “perché terrorizzi tutta la valle?”
A quel punto il tirannosauro scoppiò in lacrime!!!!!
Non gli piaceva affatto essere sgridato.
Da quel giorno Giovanni iniziò ad addestrare il tirannosauro, che ben presto obbedì a tutti gli ordini di Giovanni.
Quando gli abitanti della valle seppero quello che aveva fatto Giovanni andarono immediatamente a congratularsi con lui e a ringraziarlo.
Nella valle Giovanni fu sempre ricordato come un eroe.
A quel punto Giovanni salutò tutti i suoi nuovi amici, si rimise in testa il cappello magico e tornò nel suo tempo.
Aveva vissuto l’ avventura più bella della sua vita!!!    


Infine, il dettatino illustrato scritto dal festeggiato:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...