sabato 28 giugno 2014

Acquerelli e matite acquerellabili: paesaggio estivo


In questi giorni abbiamo ripreso in mano uno spunto di pittura già utilizzato in passato da Margherita.
Si tratta di quaderno interattivo sulle quattro stagioni intitolato "La terra delle cose buone" ed edito dalla Giunti.
Più che dalle attività proposte, noi siamo stati attratti dalle bellissime illustrazioni di Antonella Abbatiello. Queste sono davvero molto suggestive e rappresentano il mutare del paesaggio nel corso dell'anno in una grande ricchezza di dettagli e sfumature.

Partendo da questi paesaggi, ho proposto ai bambini di disegnare un proprio "paesaggio neutro": senza fiori, frutti, foglie, animali che rimandino ad una particolare stagione. 
La difficoltà principale è consistita nelle ridotte dimensioni del foglio: per il nostro lavoro, avevamo bisogno di un foglio A4, da poter inserire nello scanner.
I paesaggi del libro misurano 60 x 30 cm: sono, quindi, lunghi e stretti, oltre che ricchissimi di dettagli.
Ogni bimbo, quindi, più che copiare, ha dovuto attuare delle proprie strategie e fare propri alcuni elementi, scartandone altri.
Come base, abbiamo deciso di rappresentare la casa, le colline, alcuni alberi spogli ed  un po' di terreno da adibire a orto.
Poi, ognuno ci ha messo davvero del suo...
Ecco qui i disegni dei bambini:
Margherita

Camilla
Mariangela

Giovanni
Questi disegni sono stati scannerizzati e stampati su carta da disegno ruvida e abbastanza pesante.
Stamperemo i disegni ad ogni nuova stagione, così da arrivare a rappresentare lo stesso paesaggio nei suoi cambiamenti nel corso dell'anno.
Questa volta, ogni bambino ha completato il proprio paesaggio vestendolo d'estate: tanti frutti, fogliame, ortaggi nell'orto, un bel sole, ecc.
Infine, i paesaggi sono stati dipinti: Camilla e Mariangela hanno usato gli acquerelli; Margherita e Giovanni, invece, hanno utilizzato le matite acquerellabili e, solo per alcune parti (cielo e colline), gli acquerelli.
Il gioco dei colori, dei toni caldi e quasi infuocati dell'estate ha trasformato subito i nostri paesaggi.
Come già accennato, Margherita si sta cimentando con questi paesaggi per la seconda volta: per lei la sfida è riuscire, a distanza di quattro anni, a rendere completamente nuova questa rappresentazione, forte di una maturata esperienza con colori e pennelli, di un tratto più sicuro e cercando di cimentarsi con sfumature sempre più  articolate.
Margherita

Camilla
Mariangela


Giovaanni
E' molto bello anche l'effetto che fanno tutti insieme:

Intanto, mentre i fratelloni dipingevano, anche Tommaso si è impegnato con un disegno estivo: tra tante immagini proposte, per l'estate ha scelto questi pesciolini, che ha voluto colorare con gli acquerelli in un lavoretto sempre gradito ed ogni volta più accurato e preciso.



mercoledì 25 giugno 2014

Collage: frutti d'estate

In questi giorni, tra gite, passeggiate, "biciclettate" e giochi vari, stiamo festeggiando l'arrivo dell'estate con diversi lavoretti.
Il primo, semplicissimo, è un collage realizzato con la carta colorata.
Abbiamo pensato di utilizzare la frutta tipica per celebrare ogni inizio di stagione: prima per decorare  la porta di casa, poi da inserire nei quadernoni dei bimbi, come copertina stagionale. 
Aiutandoci con la Big Shot, abbiamo fustellato tante forme basiche in diversi colori:
- un semicerchio verde e uno rosso per l'anguria;
- piccoli cerchi rossi per ciliegie e rusticani;
- ovali arancioni per le albicocche;
- ovali viola per le prugne;
- cerchi in vari colori caldi per le pesche: giallo, rosso, "rosa carne".
- foglie e foglioline di varie forme e dimensioni.

Come sfondo, abbiamo usato dei semplici fogli bianchi A4, in modo da dare pieno risalto ai colori vivaci della frutta estiva.
Ovviamente poi, ogni bimbo si è sbizzarrito assemblando forme e colori a piacimento ed incollando con colla stick.
Eccoli qui!




Ed ecco la porta di casa, con l'aggiunta delle scritte stampate da Maestra Mary e colorate dai bambini.

sabato 21 giugno 2014

Festa a tema: procione

Il 10 giugno Mariangela ha compiuto 7 anni.
Per la sua festa, la bimba ha scelto un tema molto originale: "Mamma, posso fare una festa-procione?", mi ha chiesto qualche settimana prima, spalancando i suoi occhioni azzurri già brillanti dall'emozione...
Ecco, questa richiesta mi ha messa inizialmente un po' in crisi: dopo cielo, mare, gatti, principesse, mezzi di trasporto, supereroi e personaggi vari... improntare un'intera festa su questo bizzarro animaletto mi pareva piuttosto difficile.
Però... sapevo bene che il procione - insieme alla foca, e - è da sempre un animale molto amato dalla bimba.
Del resto, Mariangela è da sempre piuttosto anticonformista: viso d'angelo in un temperamento forte e focoso, gusti ed interessi "da maschiaccio", un animo ribelle in cuore grande e generoso.
Quindi, perchè no? Va bene, dai, ci proviamo!
Beh, come spesso accade, le sfide più difficili si rivelano poi anche le più stimolanti: così, in poco tempo, le idee hanno iniziato a prendere forma e a moltiplicarsi. Mariangela, felice ed entusiasta, è stata la maggior artefice delle decorazioni. Ed ecco che cosa abbiamo preparato. 

1 - Il cartellone
Innanzitutto, Mariangela ha realizzato un grande cartellone (1 metro per 70 cm) rappresentante un simpatico procione, per decorare una parete della nostra sala.

2 - Le bandierine-procione
Per decorare  il soffitto, ho utilizzato una fustella per la Big Shot acquistata in super-sconto già tempo fa: rappresenta proprio un procione e l'avevo presa in un "magari, prima o poi..." proprio sapendo dell'interesse della bambina per questo animaletto. 
Ho dapprima ritagliato dei triangoli dal centro di tanti fogli A4 colorati,in modo di dar loro la forma di bandierine.
Poi, con i bambini, ci siamo messi d'impegno: abbiamo fustellato un sacco e su ogni bandierina abbiamo incollato un procione fustellato. Ci siamo sbizzarriti con i colori, i materiali (carta, carta vellutata, gomma crepla, ecc) e con diversi dettagli applicati: le strisce, la pancina, la mascherina, gli occhi... ma anche un palloncino, un fiore, un frutto.
Abbiamo poi ripiegato il  bordo superiore delle bandierine, così da poterle fissare agevolmente con la puntatrice a due fili incrociati appesi lungo il soffitto della sala, per  una decorazione molto colorata e coinvolgente.






3 - Il procione di polistirolo
Per abbellire la sala dove si sarebbe svolta la festa con un grande elemento a tema, abbiamo poi realizzato un simpatico procione di polistirolo.
Per la testa ed il corpo, ci siamo procurati due basi per torta di forma circolare, del diametro di 40 cm ciascuna.
Mariangela ha dipinto entrambe con il colore acrilico lilla, lasciando uno spazio bianco -la pancia- su uno dei due dischi.
Per la coda, abbiamo recuperato un grande  foglio di gommapiuma bianca (residuo dell'imbottitura di un vecchio fasciatoio, credo).  Una volta ritagliata la sagoma, abbiamo dipinto anche su questa delle strisce lilla.
Sempre dalla stessa gommapiuma, abbiamo ricavato anche due triangoli per le orecchie. 
Una volta asciutto il tutto, abbiamo assemblato le varie parti fissandole con colla a caldo. Per unire testa e corpo, ci siamo aiutati anche con alcuni stuzzicadenti infilati internamente.
Per ultimo, abbiamo aggiunto diversi dettagli in gomma crepla: una mascherina blu, un fiocco giallo, le zampine, il musetto... e due  grandi occhioni spiritosi. 


4 - Altalena per procione
Quasi all'ultimo momento, mi è venuta un'idea semplicissima ma d'effetto per decorare anche il centro della sala: un'altalena per il procione-pupazzo di Mariangela, realizzata con un cestino e alcuni nastrini. Velocissima, ma molto apprezzata dalla festeggiata.

5 - La tovaglia
Per decorare la tovaglia di carta verdina, i bambini hanno colorato, ritagliato ed incollato diversi disegni di procioni trovati on-line, aggiunti a diverse immagini più piccole stampate già a colori.

Ed ora, passiamo al buffet.
La bimba, particolarmente amante del salato, mi aveva chiesto dei toast e delle pagnottine con salsiccia. 

6 - I toast-procioni
Ho preparato alcuni toast direttamente a forma di procione, ritagliando la sagoma della testa e decorandola con due triangolini di prosciutto cotto per le orecchie ed un altro ritaglio per la mascherina. Ho poi aggiunto un nasino-carotina e messo nel tostapane orizzontale.
Una volta cotti, ho aggiunto due occhietti di scamorza.

7  - I mini-toast con procioni-toppers
Altri toast sono stati tagliati in quattro e, in formato mini, decorati con toppers raffiguranti procioni.

8 - La pagnottona-procione
Ho preparato un impasto morbido e, dopo la prima lievitazione, l'ho modellato a forma di procione. Per la mascherina, il nasino e le strisce della coda, ho usato un po' di salsiccia. Poi ho lasciato lievitare ulteriormente ed infornato.
Una volta estratto dal forno, ho completato il procione con alcuni dettagli: occhi, pancia di scamorza bianca, fiocco di carota... ed ecco fatto, pronto da servire con stuzzicanti cubetti di mortadella.

9 - "Fuori tema", abbiamo servito anche tante pagnottine ripiene di salsiccia:

Passando al reparto dolce...
10 - Procioni biscotto
Immancabili nei nostri rinfreschi, anche i biscotti sono stati realizzati a forma di procione. Dato che ci è risultato impossibile reperire uno stampino a forma  di procione, abbiamo riparato con uno stampino-scoiattolo ed uno stampino-gatto, aggiungendo qualche pezzettino di pasta frolla. 
I biscotti sono poi stati decorati con mascherina, musetti e strisce in pasta  di zucchero e rifiniti con occhietti tracciati con pennarello alimentare nero.
Per ritagliare la mascherina, abbiamo usato il tappo dei pennarelli grossi. 


11 - Un altro piccolo fuori-tema: i biscotti a forma di 7 (gli anni della festeggiata), alcuni al naturale, altri abbelliti con pasta di zucchero colorata.



12 - La torta con procioni
Per la torta, ho seguito il suggerimento di Mariangela: realizzare 6 procioni in pasta di zucchero, raffiguranti ciascuno un componente della nostra famiglia...

Quindi, ecco Margherita e Camilla femminucce eleganti, Giovanni con logo di Batman, Tommaso con fiocco verde (suo colore preferito), la mamma un po' più grande, con fiorellino e collana e al centro... Mariangela giocatrice di basket!

I procioni sono stati adagiati su un disco di pasta di zucchero verde attorniato da tanti petali cuoriformi gialli.. per un effetto fiorellone colorato davvero allegro.

Il tutto, su una semplice torta tenerina al cioccolato, la preferita dalle festeggiata.


Ed ora, vi mostro il cartello appeso dalla porta di casa...

I regali dei fratelli: disegni colorati, bigliettini...

... Ma anche un regalo speciale di Giovanni: un raccontino con protagonisti 5 procioni inventato da lui, e poi dettato in gran segreto a Margherita, che lo ha digitato al pc:
Concludo con il tema di Mariangela sulla festa, che esprime tutta la soddisfazione della bambina per questa sua giornata speciale.

Tema
La festa per  il mio compleanno
L’otto giugno ho festeggiato il mio settimo compleanno.
Era una festa-procione perchè mi piacciono tanto i procioni.
Per decorare la sala io ho fatto un bellissimo cartellone che rappresentava proprio un procione.
La mamma, che è una bravissima mamma, ha fatto un bellissimo procione femmina con il polistirolo.
Poi abbiamo preparato tante coloratissime bandierine.
Poi alla mamma è venuto un lampo di genio: fare un’altalena da appendere al lampadario per il mio simpaticissimo procione pupazzo.
Per il rinfresco avevamo fatto dei mini toast con sopra delle immagini di procioni attaccate a degli stuzzicadenti e dei panini con dentro un pezzettone di salsiccia: erano tantissimi e sono piaciuti molto.
Il pezzo speciale del salato erano due toast e una pagnottona con salsiccia a forma di procione.
Come dolce la mamma aveva preparato dei biscotti a forma di procione e alcuni a forma di 7.
La cosa più importante del mangiare era la torta ed era magnifica: era una tenerina con sopra un disco di pasta di zucchero a forma di fiore con sopra tutta la nostra famiglia rappresentata da 6 procioni!
E’ stata una bellissima festa di compleanno.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...