venerdì 26 luglio 2013

Il pranzo dell'estate

Dopo il centrotavola e l'allestimento della tavola stessa, eccoci finalmente al nostro "Pranzo dell'estate".
Questo sarà un post lungo e ricco di immagini: d'altra parte, il menù articolato e l'occasione speciale, ci hanno impegnati -tra cucina e decorazioni- per diversi giorni. 
Innanzitutto, abbiamo pensato al menù.
Volevamo tanti piatti buoni, freschi, allegri ed abbastanza leggeri... ma anche utilizzare prodotti di stagione che piacessero a tutti, sempre nell'ottica di far cucinare il più possibile i bambini. L'estate è certamente la stagione più generosa quanto a prodotti della terra, dai pomodori a tanta frutta e verdura colorata e profumata. E poi: carne alla griglia e due dolci, uno più sostanzioso ed uno più fresco.
Ed ora vi descriverò le varie portate in maniera dettagliata, con i passo-passo del lavoro dei bimbi nelle varie parti della ricetta. Per maggior chiarezza, l'ordine di esposizione non corrisponde a quello del nostro lavoro, ma alla successione del menù. 

1 - Crepes al pomodoro, prosciutto cotto e mozzarella.
Partendo dalla volontà di utilizzare il prodotto-simbolo dell'estate, il pomodoro, abbiamo pensato di preparare una passata di pomodoro con cui arricchire delle crepes dal gusto fresco e leggere. 
1a - Il sugo di pomodoro
Prima di tutto, ci siamo messi all'opera per preparare un buon sugo di pomodoro. (Anzi, come noterete dalle foto, la prima operazione è sta mia, a monte, facendo vestire strategicamente tutti i bambini di rosso. Eccezion fatta per Margherita, che ormai non ne ha più bisogno.)
I bimbi hanno dapprima lavato i pomodori. Poi hanno tolto i piccioli ed hanno inciso una croce su ciascuno. A questo punto sono rapidamente intervenuta io, tuffando per un minutino i pomodori in acqua bollente e scolandoli. I bimbi hanno, quindi, spellarli.

Ed eccoci alla parte più divertente: con l'aiuto di un piccolo mixer manuale, ogni bambino ha frullato uno o più pomodori, fino ad ottenere una bella polpa spezzettata. 

Intanto abbiamo preparato un soffritto di cipolla e finalmente abbiamo messo a cuocere il nostro sugo.
Una volta cotto, insaporito e ristretto a sufficienza, il sugo è poi stato passato al colino fine da Margherita, per ottenerne una passata densa e profumata.

1b - La besciamella
Preparata velocemente, miscelando tutti gli ingredienti e poi cuocendo in micro-onde. Alla fine, una passatina al mixer ad immersione, per eliminare alcuni grumetti.

1c - Le crepes
Camilla ha preparato la pastella con uova, farina e latte...

Poi, lasciata riposare la pastella un'oretta, Mariangela mi ha aiutata a cuocere una trentina di crepes, dosando e poi versando con il mestolo la pastella nella padella ... (scusate la rima decisamente cacofonica)

1d - La farcitura delle crepes
Il giorno dopo, ecco tutti pronti a comporre le nostre teglie con i vari ingredienti. Questo è stato davvero un lavoro a catena, perfetto per noi: innanzitutto, Margherita ha steso un po' di passata sul fondo delle teglie; intanto, Camilla adagiava su ciscuna crepe una fetta di prosciutto cotto; Giovanni metteva la mozzarella a fette...
Margherita un pochino di besciamella e Mariangela arrotolava; a questo punto, Margherita ed io disponevavamo la crepe arrotolata sulla teglia. Completata così tutte le teglie (ne abbiamo preparate tre, conservandone una in congelatore), abbiamo cosparso con una manciata di parmigiano grattugiato. Poi Giovanni ha miscelato la besciamella rimasta al sugo di pomodoro e, con questa salsa rosa, abbiamo ricoperto le crepes. Un'ulteriore "informaggiata" ed ecco pronto un piatto ricco ma leggero, che aspettava solo di essere infornato. 

2 - Grigliata mista di carne
Un secondo adatto a tutte le stagioni dell'anno, ma tipicamente estivo: gustoso, conviviale, per tutti i gusti. Una bella grigliata di carne richiama alla mente i barbecue all'aperto, le scampagnate, le serate tra amici, stelle, lucciole e zanzare. Noi l'abbiamo preparata in casa, facendo comunque del nostro meglio.
Avevamo scelto diversi tipi di carne: bistecche di manzo, ossicini/costine di maiale, braciole, capocollo, pancetta, salsiccia e wurstel.
L'impegno dei bambini è stato quello di preparare la carne, la sera prima del pranzo.
Ognuno di loro ha tagliato le bistecche ridimensionandole un po' e togliendo il grasso in eccesso; i wurstel sono stati tagliati a metà ed incisi con taglietti obliqui; la salsiccia è stata incisa longitudinalmente; la pancetta tagliata a metà.  Tenendo da parte wurstel e salsiccia, il resto della carne è stato poi spennellato con olio e sale aromatico (sale, aglio e rosmarino).
I bimbi hanno svolto queste operazioni con un po' di fatica, ma tanto impegno ed una buona precisione e, cosa che mi  ha dato una certa soddisfazione, nessuno di loro si è lamentato nel manipolare la carne cruda. Evidentemente, la pratica in cucina, sta facendo il suo effetto, e nessuno si è dimostrato schizzinoso davanti a un po' di sangue o alle consistenze mollicce. Anzi... guardate "il 5" tra Mariangela e Giovanni, alla fine di quest'attività!

Sorvolando sulle patatine fritte, preparate da me all'ultimo momento e non propriamente estive (ma stanno così bene con la carne ai ferri, che ci siamo concessi uno strappetto alla regola...), passiamo all'insalata.

3 - Insalatona estiva con cipolla e pomodori.
Essendo la verdura una grande passione di Mariangela, è stata lei a proporre e preparare quest'insalata. Ha sbucciato la cipolla, che io ho poi tagliato sottilmente con l'affettatrice. Poi ha lavato e tagliato a fettine i pomodori e lavato e centrifugato l'insalata. Infine, abbiamo disposto i vari tipi di ortaggi su un piatto diviso in quattro scomparti, per un effetto estetico gradevole e per permettere a tutti di servirsi di ciò che preferivano.

4 - Il semifreddo alle ciliegie.
Una ricettina inventata da noi (o almeno, non ho trovato nulla in rete), rielaborando la "Viennetta casalinga" in chiave estiva. Cronologicamente, andando in congelatore, è stato il primo piatto che abbiamo preparato.
Data la notoria indelebilità (o quasi) delle macchie da ciliegia, per questa preparazione ho fatto spogliare i bambini, divertendoli a cucinare in piena libertà in sole mutandine!
I bambini hanno lavato le ciliegie, divertendosi, intanto, a giocare un po' con l'acqua.
Poi, muniti di apposito snocciolatore, con grande pazienza hanno de-nocciolato tutti frutti, uno ad uno.
Sapete, come si dice, che una ciliegia tira l'altra... così questo momento è stato anche occasione di una sana ed ottima merendina a base di frutta.

A mano a mano che ne venivano pronte un po', le ciliegie snocciolate venivano, poi, mescolate a zucchero e limone e poste 3-5 minuti in micro-onde, per una sorta di mermellatina veloce in cui i frutti formassero un po' di sughetto ma rimanessero comunque corposi e carnosi, mantenendo la propria consistenza.
Intanto abbiamo montato a neve -separatamente- panna ed albumi. Li abbiamo mescolati delicatamente (la mamma), e zuccherati.

A questo punto le bambine hanno disposto in uno stampo di silicone a ciambella tre strati di questo composto alternati a tre strati da ciliegie "sciroppate". E via in freezer!

5 - Crostata di ricotte ed albicocche
Una ricetta di Alessandra Spisni (de La prova del cuoco) che l'ha mostrata con le fragole, ma che noi amiamo molto con le albicocche.
Camilla ha dapprima preparato la pastafrolla, che abbiamo lasciato riposare in frigorifero per un po'.
Poi, i bimbi hanno preparato la crema di ricotta con cui riempire la frolla stesa in una tortiera.

Dopo di ciò è venuto il momento di tagliare in quarti (essendo piuttosto grandi) le albicocche e,tra un assaggino e l'altro, disporle in maniera il più ordinata possibile sulla torta ancora cruda, conficcandole leggermente nella crema di ricotta. A questo punto la torta è sta infornata.

Ed eccoci al giorno del pranzo: gli ultimi preparativi, tra il centrotavola e l'apparecchiatura, sono stati lo spennellare la crostata con gelatina di albicocche sciolta n un goccino d'acqua e, per me, preparare le pagnottine di pane e cuocere tutto...

Ed ora, ecco finalmente le nostre portate pronte e servite in tavola!

CREPES AL POMODORO, PROSCIUTTO COTTO E MOZZARELLA


GRIGLIATA MISTA DI CARNE

PATATINE FRITTE

INSALATONA ESTIVA CON CIPOLLA E POMODORI


SEMIFREDDO ALLE CILIEGIE

CROSTATA DI RICOTTA ED ALBICOCCHE

Ecco, finalmente ho finito questo lunghissimo post con cui spero di non avervi annoiato troppo.
Ora vi saluto. Domani andremo in montagna per una settimana e probabilmente non riusciremo ad avere la connessione Internet. Salvo diverse circostanze, ci risentiremo in agosto.

domenica 21 luglio 2013

La tavola dell'estate

Oggi vi mostrerò nei dettagli la nostra tavola dell'estate, allestita in occasione del nostro quarto "pranzo delle stagioni".
Anche questa volta abbiamo voluto preparare tutto utilizzando ciò che avevamo già in casa unito a qualche piccolo acquisto davvero low-cost, per cercare di utilizzare la fantasia, evitare gli sprechi e fare qualcosa di speciale perchè tutto nostro.  
1 - Abbiamo iniziato decidendo il colore della nostra tavola. Pensando al sole ed ai colori dell'estate, abbiamo scelto il giallo e l'arancione nelle varie tonalità: dal color pesca-albicocca della tovaglia, al giallo oro ed al marrone dei girasoli, all'arancione intenso ma velato dei nastrini sui bicchieri, al color albicocca tenue dei manici delle posate. Poi, un immancabile tocco di verde nelle foglioline abbinate ai girasoli ed una vera e propria esplosione di colori nei cerchi concentrici dei tovaglioli di carta.. 

2 - Con qualche giorno di anticipo rispetto al pranzo, abbiamo preparato le decorazioni per i bicchieri. Restando in tema-girasoli, su ogni calice abbiamo legato un girasole finto con un nastrino di tulle arancione. 
Abbiamo giocato un po' con le dimensioni alternando girasoli grandicelli ad altri piccolini, e decorato alcuni bicchieri anche con foglioline verdi, per un tocco più naturale e per movimentare un po'.

3 - Girasoli dello stesso tipo (i più grandi) sono stati utilizzati anche per il centrotavola che vi ho già mostrato nel post precedente, uniti a frutta estiva e pomodorini..

4 - Girasoli anche all'interno del vassoio su cui abbiamo appoggiato le pagnottine di pane (fatto da noi). Vassoio già pronto, vecchio regalo di pre-nozze per una ragazza patita dei girasoli, perfetto per l'occasione.

5 - Un tocco di freschezza per un'estate calda e per la gioia delle bambine: i cubettini di ghiaccio a forma di cuore, adagiati in una ciotolina tutta arancione.

Ed ora, un po' di scatti in qua e là...





Vi lascio, come al solito, con un'anticipazione del menù:


Per il pranzo vero e proprio, dalla preparazione dei vari piatti  ai risultati finiti, ci vorrà un po' di pazienza: le foto sono tantissime (circa 500!) e in questi giorni sono spesso fuori con i bambini...

giovedì 18 luglio 2013

Girasoli, frutta e pomodorini per il centrotavola dell'estate

Come chi ci segue ben sa, quest'anno stiamo realizzando, con i bambini, un pranzo speciale per ogni stagione dell'anno. 
Il pranzo dell'estate è stato fatto già qualche domenica fa. 
Devo dire è stata un'esplicita e ben precisa richiesta dei bambini quella di preparare questo pranzo e continuare, così, la nostra tradizione di celebrare il passaggio tra le diverse stagioni anche ora che la domenica -abitualmente- non pranziamo più qui, tutti insieme, con nonni e zii. Per questo pranzo, però, siamo tornati a sederci tutti intorno alla tavola vestita a festa, per onorare al massimo il lavoro ed il grande impegno dei bambini. 
Dato che la preparazione di quello che per noi è un vero "evento" ci impegna e diverte sempre parecchio, dividerò anche questa volta in tre post le varie fasi.
Oggi vi mostrerò il nostro centrotavola.
Parlando con i bimbi e guardandoci attorno, abbiamo scelto i girasoli come tema della nostra tavola (ma, inizio a dirlo a posteriori, anche della nostra estate...). 
Questi grandi fiori dai colori caldissimi ci parevano perfetti per una tavola allegra e colorata.
Quindi, dato che a fine giugno non erano ancora disponibili quelli veri, abbiamo acquistato diversi mazzetti di girasoli finti ornamentali (sempre nel mitico negozietto 0.99 cent).
Insieme a questi, un vaso di plastica arancione, colore caldo per eccellenza.
Per il nostro centrotavola, abbiamo pensato di unire questi elementi a prodotti della natura caratteristici della stagione estiva: pesche, albicocche, ciliegie e pomodorini ciliegini.
Come? Creando una composizione veloce (data la deperibilità delle materie prime, dovevamo per forza realizzarlo la mattina stessa del pranzo) ma colorata e d'effetto.
Per aiutarci a costruire il nostro centrotavola, anche della spugna per fiori e degli stecchini di legno, da spiedini.
Abbiamo iniziato mettendo la spugna nel vaso e conficcando i grandi girasoli in maniera il più simmetrica possibile.

A questo punto, i bambini si sono sbizzarriti nell'infilare i diversi frutti ed i pomodorini sugli stecchini e poi conficcare questi ultimi in qua e là nel vaso, fino a creare una composizione piena e coloratissima.
Eccola qua!






Quanto a simmetria la perfezione è ben lontana, ma nel complesso il risultato ci ha soddisfatti.
E poi, volete mettere la soddisfazione di gustarsi un lecca-lecca di frutta, alla fine del pasto???
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...