giovedì 29 settembre 2011

Gita all'Acquario di Cattolica

Come vi avevo già anticipato, sabato scorso siamo stati in gita all'Acquario di Cattolica.
Un'esperienza in cantiere già da tempo, giunta dopo un'escalation a piccoli passettini, partita dall'acquario giocattolo, proseguita con l'arrivo a casa nostra dei pesciolini Pippo e Stella, continuata con la visione di alcuni documentari a tema marino e da tanti racconti sull'acqua, sull'ambiente marino e sui suoi tantissimi abitanti.
Noi, all'acquario di Cattolica, c'eravamo già stati, quasi due anni fa, anche allora nel pieno di un progetto didattico. E alle bambine, Mariangela in particolare, tutti quei pesci erano rimasti nel cuore.
Così, già da tempo ci chiedevano di tornare.
Giovanni, allora, era piccolino,e per lui è stato tutto nuovo, una vera prima volta.
Tommaso, cucciolotto, si è goduto la visita comodamente adagiato nel marsupio: tanto era il suo stupore nel vedere tutta quell'acqua, quei colori e quegli strani movimenti che abbiamo dovuto girarlo sul con la schiena rivolta alla mamma ed il faccino verso l'esterno! E da lì è stato sveglio per quasi due ore, sgambettando e muovendo le braccia, tutto eccitato.
Effettivamente, il fascino del mondo marino è sempre davvero enorme.
Poter "entrare" negli abissi, ammirare tante specie diverse, trovarsi a contatto così ravvicinato con gli enormi squali dai denti aguzzi e, per esorcizzarre la paura ("Mamma, sono stanco, andiamo a casa?" Giovannino cuor di leone), far loro una linguaccia; veder giocherellare i pinguini; ammirare i stupefacenti colori dei pesciolini tropicali e, tra loro, trovare il pesciolino Nemo ed i suoi amici!
E guardare negli occhi un pesce palla o un pesce luna... cercare di capire la forma e la consistenza delle meduse.... e stupirsi, nel vedere un cavalluccio marino così piccolo e bruttino...; ammirare stelle marine di tanti tipi e colori, e poi attinie, spugne, coralli! E cercare di accarezzare le razze, troppo intimidite dalla nostra presenza...
Gli animaletti più attesi e che effettivamente sono piaciuti di più ai miei figli sono stati le lontre (novità di quest'anno, a Cattolica), col loro musetto dolce e buffo, i loro guizzi velocissimi, le loro corse scatenate. Delle piccole "fochine" tenerissime, davvero!
Ancora una volta, si conferma piacevole, utile ed interessante vedere direttamente le cose, poter unire teoria e pratica, immaginazione e realtà.
Insomma, un'esperienza davvero intensa ed indimenticabile!
La quale ha poi, ovviamente, dato il via a nuove riflessioni, lavoretti ed attività, di cui a prossimi post...

 

Powered by BannerFans.com

mercoledì 28 settembre 2011

Otto piedini per un buon succo d'uva

 
Settembre: tempo di vendemmia, di uva, di tini, di racconti contadini, di festa...
Anche a casa nostra.
Sì, perchè, pur abitando in appartamento, ogni autunno si apre con la pigiatura dell'uva. 
Nell'ingresso di casa, sperando che, per quell'oretta, nessuno bussi alla porta.
Una vascona piena di grappoli ben lavati, tanta voglia di fare, salti e balletti a volontà, qualche scivolone, due-tre urletti di troppo, un bel po' di assaggini... ed ecco pronto tanto succo, da filtrare e gustare tutti insieme, in un brindisi allegro e festoso. 
Un mosto ora in via di fermentazione, in attesa di qualche nuovo esperimento in cucina....
E poi, subito dopo, bagnetto collettivo... e scopa, paletta, straccio, spazzone.... una gran fatica, ma vi assicuro che ne vale davvero la pena!

 

Edit: con questo post partecipo all'iniziativa di Palmy: "Imparare giocando"
Powered by BannerFans.com

martedì 27 settembre 2011

Giochiamo con l'autunno e con l'acqua: laviamo la frutta! E poi anche l'insalata!

Dopo tanti giochi con l'acqua propriamente ludici, ecco un bel divertimento per associare la conoscenza degli usi più pratici dell'elemento all'ambiente circostante. 
Allora, eccoci intenti ad ammirare e scegliere al mercato, e poi lavare e gustare alcuni frutti dell'autunno: prugne settembrine, uva bianca, mele rosse e gialle, pere...
Per i bambini è sempre divertentissimo poter giocare con l'acqua. 
Così com'è fonte di grande soddisfazione potersi rendere utili ed aiutare la mamma in cucina.



Questa attività gli è piaciuta così tanto da chiedermi di ripeterla, il giorno dopo. 
Stavolta, variante meno stagionale: una bella lattuga-quercia, da lavare e centrifugare ben bene.
Con queste premesse, l'assaggio diventa naturalmente parte integrante dell'attività, ed il gustare frutta e verdura anche a tavola è sicuramente più semplice e divertente!





lunedì 26 settembre 2011

Un bellissimo fine-settimana

Mi piace l'idea di condividere con voi le belle esperienze vissute nel week-end appena concluso.
Sabato, a coronamento del percorso acquatico che stiamo svolgendo ormai da due mesi e che, per la verità, è ben lungi dal trovarsi in via di conclusione, la famigliona è stata in gita all'Acquario di Cattolica.
Il tutto è stato talmente bello, intenso e ricco di spunti, da meritare assolutamente uno o più post a parte, non appena le foto saranno elaborate ed i ricordi ben incanalati.
Poi, pomeriggio in spiaggia, per salutare il mare un'ultima volta prima della stagione fredda. 
Domenica pomeriggio, tanto per tenere reclusi i bambini non-scolarizzati, ci siamo trovati nel bel mezzo di una iniziativa ludico-culturale organizzata dal nostro comune di residenza. "Piccoli lettori in erba, sull'erba". Praticamente, una serie di letture animate e giochi guidati, il tutto in un bel parco, in un caldo pomeriggio settembrino.
Tantissimi bambini, famiglie, animatori... fiabe e racconti in qua e in là... e quattro bambini piacevolmente mescolati a tanti altri, senza problemi di socializzazione e con tanta voglia di ascoltare. 
Giovanni e Mariangela, poi, sono stati totalmente rapiti dalle storie del pinguino Pingu. 
Non poteva che essere così, dopo aver visto tanti pinguini veri sguazzare dal vivo, proprio il giorno prima, all'acquario!

domenica 25 settembre 2011

Acquerelli: l'albero dell'autunno

Il primo giorno d'autunno, le bambine si sono dedicate ad un momento di "piccola arte domestica", come ci piace definirla, ed hanno rappresentato con gli acquerelli un caldo albero autunnale su sfondo lacustre...
Così facendo, abbiamo creato un raccordo tra i due temi conduttori di questo periodo: l'elemento-acqua e la stagione-autunno.

Margherita 
Camilla 
Mariangela

venerdì 23 settembre 2011

Bentornato, autunno!

Primi giorni d'autunno.
La stagione che, forse, preferiamo collettivamente, a livello familiare.
Settembre, poi, è un mese caldo, nel senso più pieno e dolce del termine.
Il mese che regala la piacevolezza di fare gite, pic-nic e scampagnate;
che porta ad un naturale piacere nello stare in casa, la sera;
che vede il ri-aprirsi delle scuole e l'inizio del nuovo anno scolastico.. per il mondo fuori da qui.
Per noi, è il mese che ha accompagnato, in passato, la notizia della gravidanza della nostra prima bambina, Margherita,
e poi della seconda, Camilla,
e poi portò l'inizio della gravidanza di Tommaso...
Il mese in cui io e PapàGiorgio ci fidanzammo, ben 14 anni fa;
Nell'ottobre 2003, poi, noi due ci sposammo;
in ottobre imparammo di aspettare Mariangela.
In autunno, qui, ricominciamo a tirare fuori i pannetti caldi con cui coprirci la sera, in divano;
a fare regolarmente la sfoglia fresca, ogni domenica;
ad impastare quasi quotidianamente il pane, la pizza, le torte...
a seguiure le nuove stagioni delle fiction e dei programmi tv che ci appassionano: "Nonno Libero", "Don Matteo", "La Prova del cuoco"... noi che, del resto, guardiamo pochissima tv...
In autunno è bellissimo uscire e guardarsi attorno... e scorgere in ogni angolino una traccia della natura che cambia, che lentamente si addormenta, si colora di toni caldi e dorati.
L'autunno ci fa venir voglia di fare sempre di più, 
ci fa sentire davvero liberi di gestire appieno le nostre giornate, le nostre scoperte, il nostro tempo.
Ci fa venire voglia di coccolarci tanto, tanto, tanto!

Questa è la nostra porta di casa, da oggi...

E questo, l'ingresso...

mercoledì 21 settembre 2011

Rappresentiamo l'acqua... di tutti i colori

Dopo le rappresentazioni a colori freddi, le bambine e -alla fine- anche Giovanni, hanno continuato a dipingere scenari d'acqua, coloratissimi, variopinti, molto piacevoli per loro.
Soprattutto ad acquerello, la loro tecnica ora preferita, ma anche con le tempere acriliche.
Il tutto, per procedere anche "pittoricamente" alla scoperta dell'acqua, soprattutto nella sua caratteristica di trasparenza e nel suo assumere i colori circostanti.

Così, ecco questo suggestivo paesaggio:
Margherita

Camilla

Mariangela
E poi, un caldo tramonto dorato:
Margherita

Camilla

Mariangela
Il Lago della Ninfa:
Margherita

Camilla

Mariangela
Un mare tutto blu, specchio di un cielo azzurrissimo:
Margherita

Camilla

Mariangela

Ed un delicato fondale marino, con tanto di pesciolini decorativi:
Margherita

Camilla

Mariangela

Giovanni
Le scansioni di questi lavoretti non rendono del tutto ma, personalmente, sono molto soddisfatta dei risultati ottenuti, soprattutto per quanto riguarda i grandi progressi dei più piccoli che, osservando Margherita, hanno preso sempre più gusto per il momento "artistico", e si sono  buttati a capofitto in ogni attività proposta.
Camilla, in particolare, fino a pochi mesi fa non riusciva a disegnare quasi nulla di comprensibile -non è molto portata per il disegno, e non le interessava- ma, un po' alla volta, seguendola individualmente e grazie ad una traccia ben definita ed ai pennelli, si è appassionata tantissimo ed è migliorata in maniera incredibile.

Edit giugno 2012: con questo post, partecipo al Mercoledì dell'Arte di Priorità e Passioni sul tema MARE

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...